Viaggiare News
Destinazioni Hotel

Intercontinental Hotels Group annuncia i risultati di una ricerca sulle famiglie in viaggio

IHG_Girls  Boys Check-in_2Secondo una ricerca commissionata da InterContinental Hotels Group all’istituto Human Highway e realizzata su un campione di famiglie italiane, il 36,6% degli italiani ha trascorso le vacanze con dei bambini al seguito in hotel almeno una volta negli ultimi due anni. Come già dimostrato in passato attraverso altre iniziative rivolte allo stesso target, InterContinental Hotels Group pone molta attenzione e cura alle famiglie in viaggio ed è per questo che, per andare incontro alle loro esigenze, prende il via presso gli hotel Holiday Inn e Holiday Inn Express in Italia, dal 17 giugno e fino al 15 settembre, l’iniziativa “Girls & Boys Check-In”.

Qualunque genitore sa che il momento del check-in si può rivelare molto noioso per i propri bambini: la stanchezza per il viaggio, il desiderio di andare in giro ad esplorare un ambiente nuovo e l’eccitazione per il periodo di vacanza da trascorrere insieme ai propri genitori contribuiscono spesso a rendere i piccoli ospiti particolarmente irrequieti. Mentre mamma e papà saranno concentrati sulla burocrazia necessaria per smaltire la registrazione, tutti i bambini dai 3 ai 9 anni potranno effettuare il loro personale check-in presso l’apposita postazione in Reception delimitata da bandierine, dove i bimbi potranno emulare i propri genitori lasciando una traccia del loro passaggio, grazie alla presenza di un registro dedicato, matite colorate in materiale riciclato e simpatici timbri per suggellare la propria presenza.

A questa iniziativa, dedicata in modo specifico ai piccoli ospiti, si affianca la distribuzione a tutti i clienti e alle famiglie, presso gli Holiday Inn, Holiday Inn Express e anche Crowne Plaza, di un divertente pieghevole, sviluppato in collaborazione con la prestigiosa casa editrice Carthusia, specializzata nell’editoria per ragazzi, e con il contributo dello psicologo e sociologo dr. Michele Oldani, specialista nei problemi della famiglia e dell’infanzia.

Il pieghevole, intitolato Camere per Comunicare, contiene un gioco per tutta la famiglia e un’istruttiva favola, che permettono alle famiglie in viaggio di svagarsi, ma soprattutto di riunirsi intorno al tavolo e trascorre insieme del tempo, per imparare a conoscersi meglio divertendosi. Dall’aspetto decisamente attraente per i più piccini, grazie a illustrazioni molto colorate, non è però destinato solo ad un pubblico di bambini, ma ha l’obiettivo di offrire alle famiglie, attraverso il completamento di un gioco, una descrizione della tipologia a cui rispondono e alcuni consigli per affrontare al meglio le piccole difficoltà che possono presentarsi e crescere quindi meglio insieme.

La ricerca commissionata da InterContinental Hotels Group all’istituto Human Highway ha anche messo in evidenza che coloro che vanno in vacanza con i bambini considerano l’hotel la struttura ideale dove soggiornare (75%), soprattutto per soggiorni prolungati ovvero per più di 3 notti (73%), perché l’atmosfera aiuta a rilassarsi (87%) e non bisogna pensare più a nulla (90%).

Interessante notare che i soggiorni medi delle famiglie italiane in hotel hanno una durata media di circa 6 notti mentre coppie e single soggiornano in media 4 notti e che, per quanto riguarda le destinazioni per le vacanze, le famiglie preferiscono rimanere in Italia (77,6%) recandosi soprattutto al mare (45,6%), in particolare a Rimini, Riccione, Ischia e Sardegna. Al secondo posto troviamo le città d’arte che vedono primeggiare Roma, Firenze, Milano, Venezia e Verona.

Chiaramente, rispetto a chi non ha figli, le famiglie scelgono di pernottare in albergo anche per recarsi nei parchi di divertimento famosi in tutta Italia, come quelli vicino al Lago di Garda o sulla Riviera Romagnola.

Le priorità che portano una famiglia a scegliere un albergo sono nell’ordine: la sua posizione (centrale nel caso delle città o vicino alla spiaggia nel caso del mare), la sicurezza , la presenza di attività sportive organizzate, di aree gioco e intrattenimento e la presenza di un ristorante che possa soddisfare le diverse esigenze di ogni bambino.

Ma quali sono le abitudini dei piccoli viaggiatori? Il 39,6% di loro, secondo quanto affermato dai genitori, appena entra in camera si sdraia immediatamente sul letto, un po’ come se volesse “prendere possesso” della sua nuova cuccia; il 22,6% accende immediatamente la TV; mentre il 13,6% inizia a curiosare negli armadi e il 10,9% nel frigo bar, esplorando la camera che li ospiterà durante le vacanze.

Ciò che i bambini preferiscono negli hotel sono la piscina (21,6%) e la presenza di aree gioco (17,6%), più in generale li entusiasma l’idea di non trovarsi a casa propria ma in un posto diverso tutto da scoprire (12,6%).

La crescente importanza delle famiglie in viaggio è confermata anche a livello globale da uno studio commissionato da InterContinental Hotels Group alla società Futures Company. Lo studio analizza le tendenze dei consumatori al fine di comprenderne l’impatto sulle caratteristiche in evoluzione dell’ospitalità. Un nuovo trend che emerge è proprio quello delle famiglie in viaggio, famiglie da intendersi sempre più spesso in senso allargato e multi-generazionale. Non più la tradizionale famiglia composta da genitori e due bambini ma intere famiglie, inclusi nonni, zii e cugini, che decidono di condividere il momento della vacanza prenotando interi piani di hotel. Questo trend è confermato infatti dall’abitudine ormai consolidata, di prenotare gruppi di ville con la piscina in condivisione, come succede presso l’InterContinental Samui Baan Taling Ngam Resort.

InterContinental Hotels Group ha sempre dedicato una speciale attenzione alle famiglie, sviluppando programmi ad hoc come Kids Stay & Eat Free, da sempre in vigore nelle tre catene di hotel: In tutti gli Holiday Inn, i ragazzi di età inferiore ai 18 anni, e fino ad un massimo di due, non pagano se pernottano in camera con i genitori, e fino ai 13 anni non pagano nessun pasto se questo viene ordinato dal menù bambini e consumato a tavola insieme agli adulti Anche negli Holiday Inn Express, il pernottamento dei ragazzi con meno di 18 anni, e fino a un massimo di due, è gratuito se questi alloggiano nella stessa camera dei genitori. La colazione è inclusa nel prezzo per tutti

Nei Crowne Plaza, tutti i ragazzi al di sotto dei 13 anni non pagano se alloggiano in camera con i genitori

“L’attività ‘Camere per Comunicare’ che abbiamo lanciato durante le scorse vacanze di Natale ha anticipato questi due grandi studi che abbiamo commissionato sulle famiglie in viaggio”, dichiara Rosanna Badalamenti, Area Marketing Director South-Western Europe di InterContinental Hotels Group. “Questo dimostra la grande attenzione che la nostra azienda ha da sempre nei confronti delle famiglie in viaggio, cercando di proporre loro tutti i servizi e i comfort possibili, oltre che stuzzicarli con attività dall’alto valore aggiunto. Speriamo che questa simpatica iniziativa per i bambini, accompagnata ancora una volta dal pieghevole ‘Camere per Comunicare,’ riscuota lo stesso apprezzamento che hanno avuto tutte le nostre iniziative passate.”

CONDIVIDI:

Articoli simili

Bangkok, una capitale in bilico tra modernità e tradizione

anna.rubinetto

HostelBookers propone vacanze ecologiche all’insegna del verde e della convenzienza

redazione1

Masseria San Domenico, in autunno ti rimette in forma

redazione1

Scrivi un commento

Please enter an Access Token