Accessori News

KAMPOS e Consorzio Costa Smeralda presentano ‘Capsule Collection’

KAMPOS e Consorzio Costa Smeralda presentano 'Capsule Collection'

KAMPOS e il Consorzio Costa Smeralda presentano i cinque capi beachwear, realizzati con materiali di recupero nelle tonalità bianco e turchese. 

Una collaborazione nata dall’impegno di entrambe, per la salvaguardia dell’ambiente e la valorizzazione del territorio. I cinque capi da mare realizzati da KAMPOS, risaltano i colori della bellissima Costa Smeralda, in armonia con la natura. Il fatto di essere ricavati da materiale di consumo, li rende ancora più speciali, e ne arricchisce il valore senza tempo. 

La partnership iniziata a novembre, esalta entrambe le realtà: quella di KAMPOS come creatore di un nuovo mondo, all’insegna della salvaguardia ambientale; e quella della Costa Smeralda, sempre più attenta alla salvaguardia del suo meraviglioso territorio. I colori scelti sono emblematici perché ricordano il turchese delle acque cristalline della Sardegna, e il bianco candido degli interni delle boutique di KAMPOS.

KAMPOS e Consorzio Costa Smeralda presentano 'Capsule Collection'

“E’ un brand che ridefinisce le norme e progetta pezzi senza tempo”, afferma Alessandro Vergano, CEO e Fondatore di KAMPOS. “Mentre lanciamo la nostra prima capsule collection con il Consorzio Costa Smeralda, vogliamo rimanere fedeli alla visione del nostro brand. Ecco perché ogni prodotto è classico, sofisticato e unico”. E aggiunge: “Il lancio della capsule collection rappresenta la prima edizione di una collezione che crescerà progressivamente nel tempo”.

La collezione è composta da un costume da bagno da donna, un pantaloncino da bagno da uomo, un telo mare e due t-shirt. Ogni capo è realizzato rispettando le linee guida del brand, che mira alla sostenibilità e ne garantisce la qualità. Tutti i prodotti sono 100% Made in Italy, e i due prodotti simbolo sono senza dubbio i pantaloncini da bagno turchese da uomo e il costume da bagno turchese da donna.

Il costume da uomo è infatti realizzato con un tessuto ricavato dal riciclo di bottiglie di plastica raccolte nel Mar Mediterraneo ne servono ben sette ogni pezzo. Il costume da donna invece, è realizzato con nylon rigenerato ECONYL®, e per produrre ogni pezzo, occorrono 80 grammi di reti da pesca abbandonate. L’intera collezione è caratterizzata da una grande attenzione ai dettagli e da un’elegante combinazione del logo della Costa Smeralda con il logo di KAMPOS.

KAMPOS e Consorzio Costa Smeralda presentano 'Capsule Collection'

La prima edizione della collezione è in vendita (prezzi da 130€ a 220€) nelle boutique monomarca KAMPOS e online sul sito: www.kampos.com.

Consorzio Costa Smeralda, dove la salvaguardia dell’ambiente si unisce all’equilibrio dello sviluppo urbano

Costituito nel 1962, ha da sempre avuto l’obbiettivo di salvaguardare il territorio rendendolo meta turistica d’eccellenza. Da allora e fino a oggi, l’associazione porta avanti il suo meritevole scopo con orgoglio e fiducia nel futuro.

Il Consorzio ha infatti lanciato un piano strategico di sostenibilità, volto a rendere più sostenibile e ad emissioni zero il territorio della Sardegna settentrionale. Lo sviluppo del piano strategico, costituito grazie anche alla collaborazione di SDA Bocconi, prevede anche varie partnership e attività. Il tutto mira a coinvolgere aziende e persone, con cui condividere la protezione dell’ambiente.

KAMPOS, il brand nato dall’uomo per la natura

Fin dal primo giorno, l’obbiettivo del brand è stato quello di costruire ad impatto zero, un nuovo mondo. Per le generazioni future e per quelle attuali, è importante sensibilizzare e mostrare i danni a cui una pesca eccessiva può portare. Il brand crea capi d’abbigliamento con materiali 100% riciclati, provenienti da mari sempre più inquinati. L’attenta lavorazione Made In Italy, li rendono unici e di qualità, pensati per durare nel tempo.

Articoli simili

A Bangkok il nuovo mercato galleggiante Khlong Phadung Krung Kasem

redazione1

Campionato di calcio Euro 2016, Logis invita nei suoi hotel tifosi e non

redazione1

Alta Pusteria: per i piccoli esploratori ecco il diploma “Dolomiti Ranger”

claudia.dimeglio

Scrivi un commento