Viaggiare News
Destinazioni Montagna

Val D’Ega, un comprensorio a misura di bambino

In Val D’Ega i bambini hanno la precedenza e le piste sono un parco giochi in cui scatenarsi, dimenticando a casa la noia e tutto quello a cui, durante l’anno si ricorre per cercare di arginarla. Perché, nell’area tra il Rosengarten e il Latemar, la noia non è mai arrivata.

Nei due comprensori di Obereggen e Carezza, nel cuore delle Dolomiti – Patrimonio Mondiale dell’Umanità UNESCO – i piccoli sciatori trovano sempre qualcosa che li sorprende e i genitori un motivo per pensare che questo sia il luogo ideale per la perfetta vacanza in famiglia. Tanto per le attività, quanto per il portafoglio. Per cominciare, i bambini sotto gli 8 anni (nati cioè dopo il 29.11.2006) ottengono uno skipass gratuito (esclusi stagionali, tessere a valore e 12 giorni nella stagione) per lo stesso periodo del familiare maggiorenne adulto pagante. La gratuità è intesa nel rapporto “un bambino per un genitore”. Senza contare che la Val d’Ega è forse l’unico luogo al mondo in cui può capitare di sciare a casa di un orso, andare all’asilo gestito dagli Yeti e imparare a stare in equilibrio sulla neve nel giardino bianco di un vero e proprio Re.

A Obereggen, Brunoland, il parco dell’ Orso Bruno, che una volta alla settimana arriva a controllare la situazione, dispone di tappeti di trasporto di 50 m e 30 m, un castello gonfiabile, un tunnel di neve, una giostra e altre installazioni pensate per offrire svago ogni giorno dalle ore 10 alle 16. Per i bambini alloggiati presso le strutture alberghiere dell’Area Turistica Val d’Ega, l’entrata è gratuita. Nello Yeti Mini Club della scuola di sci, dotato di un tappeto mobile, di una giostra e di molti altri giochi ancora, i maestri introducono allo sci i bambini, che possono comunque decidere di giocare con le animatrici all’interno del Miniclub, dalle ore 9.00 alle 16.00. Ma il Rosengarten è soprattutto il regno di Re Laurino, la cui figura ha ispirato il nuovo Kinderland Re Laurino, presso la stazione a monte della cabinovia Hubertus a Carezza. Caroselli, slitte, giochi gonfiabili e tanto altro sono le attrazioni principali di questo luogo incantato, in cui si impara a sciare ma non si smette mai di divertirsi. Ogni mercoledì, è inoltre possibile seguire le orme di Re Laurino in uno Skitour fiabesco alla scoperta di un magico mondo fatto di miti e leggende, attraverso i prati del Latemar, Malga Moser – Tschein. La novità di questa stagione, per i piccoli amanti della tavola, è l’apertura dell’Italy’s First Kids Learning Snowpark. Il nome dice tutto: uno snowpark a Carezza, pensato apposta per i bambini, che qui trovano spazi per divertirsi su curve ripide, jumps, rails, boxes e kicker tutti su misura.

Naturalmente, la neve non significa solo sci ma anche slitte e l’Alpine Coaster a Predazzo/Ski Center Latemar, con i suoi 900 metri di dossi salti ed acrobazie ne è l’impero. Piste di pattinaggio e soste per gustare qualche piatto tradizionale, servito in ristoranti, malghe e baite che hanno sempre un occhio di riguardo per gli ospiti più importanti. Cioè i più piccoli. Infine, da segnalare qualche piccola attenzione, che contribuisce a rendere la Val D’Ega, ancora di più, un comprensorio a misura di bambino. In tutti i noleggi, si trovano snowboard già da 1m di lunghezza, sci a partire da 70cm e scarponi da sci già dal numero 24. I prezzi sono a scalare a seconda della lunghezza dell’attrezzatura.

Infine, anche la Val D’Ega viene contagiata da Dolomiti Superkids. Dal 14 marzo 2015 fino a fine stagione, i bambini sotto gli 8 anni hanno alloggio e skipass gratis, mentre quelli fino a 12 anni pagano la metà. L’offerta è valida per una permanenza minima di 7 giorni in camera con i genitori per massimo due bambini e abbinata all’acquisto contestuale di uno skipass per adulti.

 

Per Informazioni:  www.valdega.com

CONDIVIDI:

Articoli simili

Mezzano di Primiero eccellenze nascoste ai piedi delle Pale di San Martino

Tiziano Argazzi

BURKINA FASO, popoli e paesaggi di un’ AFRICA sconosciuta

anna.rubinetto

Terme Merano: le acque che curano le riniti allergiche

anna.rubinetto
Please enter an Access Token