Destinazioni Evidenza

Ticino: tra natura selvaggia e bellezze paesaggistiche

Le attrazioni da visitare in Ticino sono davvero numerose. D’altronde il cantone più meridionale della Confederazione Elvetica è ricchissimo di bellezze paesaggistiche mozzafiato.

Il cantone è suddiviso in due grandi aree, Sopraceneri e Sottoceneri: la prima a nord del passo di Monte Ceneri, a sud dello stesso la seconda.”Destinazioni suggestive, natura selvaggia, e strutture ricettive all’altezza della situazione come Centro Cadro Panoramica caratterizzano l’intera zona, quindi nelle prossime righe vedremo insieme un breve itinerario con le tappe principali, tra natura selvaggia e bellezze paesaggistiche.”

Mendrisio e Monte Generoso: la prima tappa

Il nostro breve viaggio che ci porterà alla scoperta della Svizzera più italiana parte dalla deliziosa cittadina di Mendrisio, un borgo davvero magnifico nella parte meridionali delle Prealpi. Le cose da vedere sono moltissime, ma tra le principali riportiamo la monumentale Chiesa di San Cosma e Damiano, posta proprio all’ingresso del Paese. Ma per coloro che arrivano da oltre confine, Mendrisio è anche un appuntamento fisso con lo shopping in Corso Bello, ricco di outlet e negozi di grandi marche.

A nord della parte più storica del borgo troviamo invece il quartiere Capolago, con la stazione del treno a cremagliera. In circa mezz’ora, da qui è possibile raggiungere la vetta del Monte Generoso, e dai finestrini delle carrozze sarà possibile ammirare un paesaggio che quasi non conosce eguali. Una rigogliosa vegetazione infatti, ricopre le colline dove il trenino a vapore si “arrampica”. Il tragitto merita ampiamente di essere percorso, ma la fermata al Rifugio Bellavista è d’obbligo.

Da Monte San Giorgio a Lugano

Monte San Giorgio: patrimonio mondiale dell’UNESCO. Questa la giusta introduzione per questa testimonianza geo-paleontologica davvero d’eccezione. Si tratta dunque di uno dei luoghi più importanti a livello mondiale che permettono lo studio dei fossili, soprattutto dei vertebrati marini. Immancabile quindi una visita al Museo dei Fossili, dove tra l’altro sarà possibile ammirare anche una ricostruzione di un sauro terrestre Ticinosuchus lunga 2,5 metri.

Il vero piatto forte di questa tappa però, sarà una passeggiata fino alla vetta di Monte San Giorgio. Ci sarà solamente l’imbarazzo della scelta dell’itinerario escursionistico, tutti segnalati alla perfezione, che conducono appunto fino alla cima 1097 metri s.l.m. Un sentiero in particolare che merita di essere percorso è quello Geo-Paleontologico. Si tratta di un percorso circolare didattico lungo il quale sono state installate una serie di tavole esplicative che permettono la lettura della storia di questi luoghi.

Riscendendo verso Mendrisio un’altra tappa obbligata è Lugano. Parliamo di una delle città svizzere più amate dai nostri connazionali. Lungo il percorso è possibile fermarsi al Swissminiatur, ovvero la Svizzera in miniatura. Questo parco tematico davvero meraviglioso è in grado di conquistare ogni anno piccini di ogni età, ma di certo non è disprezzato nemmeno dagli adulti. Via Nassa e Piazza della Riforma sono due zone di Lugano che meritano una sosta, magari per un bell’aperitivo vista lago.

Bellinzona e Ascona

Un’altra città rinomatissima del cantone, nonché patrimonio dell’UNESCO, è Bellinzona. I tre castelli medievali davvero magnifici rientrano tra le attrazioni principali. Castelgrande, Montebello e Sasso Corbaro i tre manieri che raccontano una lunga storia. Cinte merlate, torri svettanti, stanze segrete e porte intagliate sono gli ingredienti principali di un percorso a ritroso nel tempo che sicuramente non lascerà indifferenti.

Simpatico anche il caratteristico trenino che collega le suddette fortezze, esattamente come meritevole di sosta è il ristorante osteria posto all’interno del castello di Sasso Corbaro. I luoghi da visitare nel Ticino sarebbero moltissimi, e l’elenco potrebbe proseguire a lungo, ma vogliamo concludere questo viaggio con una tappa ad Ascona. Si tratta di un altro delizioso borgo che più che una cittadina ha le sembianze di un meraviglioso dipinto. Assolutamente da visitare nel centro è il Campanile della Chiesa di San Pietro e Paolo, il vero simbolo di Ascona. 

Articoli simili

5 imperdibili  highlights della Thailandia 

anna.rubinetto

Be slow, be in Merano

anna.rubinetto

In Alsazia, fra scoperte di gusto, arte e arte di vivere

anna.rubinetto

Scrivi un commento

Please enter an Access Token