HALLOWEEN in Irlanda è davvero unico!

 

HALLOWEEN in Irlanda è davvero unico!Dove, se non in Irlanda, si può festeggiare al meglio Halloween, la festa più “terrificante” dell’anno? Duemila anni di esperienza concorrono a rendere gli irlandesi maestri nel miscelare divertimento e mistero nelle celebrazioni di Halloween.

Quando le giornate di ottobre cominceranno ad accorciarsi e i fantasmi si aggireranno senza sosta nei corridoi dei castelli, le celebrazioni di Halloween, nell’Isola di Smeraldo, saranno affascinanti.

E non c’è da stupirsi visto che gli irlandesi ne rievocano tutti gli elementi: costumi sinistri, giochi, lanterne, fantasmi, maledizioni e immancabile, il terribile Dracula.

É la vera magia a ribollire quando nel calderone finiscono le leggende ricche di ingredienti esclusivamente irlandesi.

Gli irlandesi credono nel soprannaturale e la lunga tradizione di racconti agghiaccianti fiorisce tuttora.

Così fate attenzione alla “banshee”, uno spirito che si può manifestare sotto le sembianze di una bella e giovane donna per poi trasformarsi, in un attimo, in un’orrenda strega il cui grido agghiacciante, ripetuto tre volte, preannuncia la morte di qualcuno. E non unitevi mai al popolo delle fate che custodisce boschi sacri e siti neolitici.

L’influenza di Halloween è presente ovunque in Irlanda: nei castelli pieni di ragnatele, nei vicoli antichi, negli alberi nodosi dei cimiteri solitari e nelle rechieggianti abbazie dai rintocchi sinistri e ossa polverose nelle cripte. Perfino nei pub infestati dagli spettri!

Ma niente paura,  gli irlandesi sanno come allontanare le streghe e le torbide nebbie con la musica; eventi tipici e un caldo benvenuto allontaneranno qualsiasi timore!

Quando la kermesse annuale di festival, mostre e carnevali prende il via non vi è nulla di più affascinante della terra dove tutto ha avuto inizio. E una vacanza, nel lungo weekend di ottobre, garantisce tempo a sufficienza per rimanere letteralmente incantati.

L’ORIGINALE E MIGLIORE

Halloween è il festival più antico d’Irlanda, una pozione fatta di paganesimo e cristianità, saperi e leggende. Nato all’origine come festival di fine estate e conosciuto spesso come Capodanno Celtico, il “Samhain” segnava l’inizio delle lunghe notti invernali. Fu poi associato ai morti e al mondo ultraterreno, con culmine il 31 ottobre. I Celti usavano accendere falò per accogliere e guidare gli spiriti benigni ed indossavano costumi e maschere per allontanare i demoni.
La storia di Halloween ha inizio nella contea di Meath, antica sede del potere politico e spirituale del paese. Gli Alti Re governavano dalla Hill of Tara e il territorio circostante è ancora disseminato di misteriosi monoliti e rovine di epoca pre-cristiana. Newgrange, immenso sito sepolcrale risalente a 5000 anni fa, ancora oggi affascina i visitatori.
Uno dei principali centri spirituali era la vetta di Tlachtga (Hill of Ward) vicina all’attuale Athboy. I druidi ritenevano che questo fosse il punto d’incontro tra il mondo terreno e l’aldilà. Ogni 31 ottobre tutti i fuochi del vecchio anno venivano spenti e si accendeva il falò del capodanno di Samhain a Tlachtga. Fiaccole di questo fuoco sacro venivano poi trasportate su altre sette colline, inclusa Tara, e via via ad illuminare l’intera regione.
Questo rito antico è stato recuperato e al calar della notte la rievocazione ha inizio con una fiaccolata che parte dall’Athboy’s Fair Green e raggiunge la vetta di Tlachtga.
L’accensione del fuoco sarà il segnale d’inizio di quindici giorni d’incanto durante i quali gli Spiriti del Meath Festival travolgeranno la contea nell’isteria di Halloween, dal 18 ottobre al 2 novembre.
Sono assicurati scherzetti per tutti i gusti: streghe astute, fantasmi e incantesimi, paesaggi fatati, scienziati pazzi, cibo raccapricciante, tour a lume di candela, case infestate, banshee, racconti, travestimenti e intaglio di zucche. Ma anche dolcetti: molti eventi sono infatti gratuiti.
Divertimento di giorno e paura di notte, gli spiriti del Meath Festival assicurano una presentazione elettrizzante degli orrori di Halloween.

VIRGINIA PUMPKIN FESTIVAL

La tradizione di intagliare lanterne con volti ghignanti trae origine da un racconto popolare irlandese che narra di un tiro mancino tirato da Stingy Jack al Diavolo. Come punizione, il diavolo condanna Jack a vagare nell’eternità e per illuminare il suo cammino gli concede un solo tizzone ardente, dei fuochi eterni dell’Inferno, sistemato in una rapa.
La tradizione fu poi esportata dagli irlandesi negli Stati Uniti dove l’umile radice vegetale fu sostituita dalla zucca. Questi giganti arancioni riattraversarono poi l’Atlantico, apportando così ulteriore colore e divertimento alle celebrazioni irlandesi.
L’occasione migliore in Irlanda per ammirarle in tutto il loro splendore è il Virgina Pumpkin Festival (25-28 ottobre), nella contea di Cavan. Per tre giorni e tre notti questo delizioso villaggio lacustre risplenderà di luci e ghigni diabolici. Tutto prende il via con l’arrivo delle zucche giganti, veri mostri che vengono pesati presso il Pumpkin Dome. Ma ci saranno anche altri entusiasmanti eventi come la più grande festa in maschera d’Irlanda, che si svolgerà presso il Pumpkin Marquee, con premi al miglior costume. Le celebrazioni culmineranno poi in una grande parata carnevalesca. La città si tingerà di un arancio brillante grazie a enormi “mechanical horses”, a specchi scintillanti, a lanterne esotiche di dimensioni extralarge, esibizioni aeree, ritmi brasiliani, ballerini e a una gigantesca zucca.
Ovviamente c’è dell’altro. I banchi alla fiera del gusto e dell’artigianato gemeranno sotto il peso di gioielli fatti a mano, stivali Wellington di design e deliziose leccornie fatte in casa alle quali non si potrà resistere. Si aggiungano poi spettacoli di burattini, teatro, fuochi d’artificio, gare stravaganti ed una passeggiata in un bosco brulicante di cose misteriose che strisciano, stridono e si perdono nella notte e desidererete che Halloween possa non finire mai.

“ZANNE MILLE”, MR. STOKER

Gli irlandesi non possono resistere a macabre storie di fantasmi che facciano desiderare di accostarsi al fuoco. E per racconti da brivido non esiste luogo più indicato.
É possibile ascoltare racconti horror narrati con piacere davanti ad una birra: scheletri esumati, messe nere intorno a misteriosi monumenti megalitici, sacrifici umani ed animali, dissezioni di defunti, gnomi malevoli; o può capitare di assistere personalmente ad inquietanti apparizioni… goblin, testimoni oculari di morti viventi….Incubo o realtà? Sta a voi decidere.
Abraham “Bram” Stoker ha contribuito all’evoluzione di questo innato talento irlandese, con “Dracula”,il suo romanzo capolavoro, scritto a Dublino nel 1897. E se l’invenzione dei vampiri non è ascrivibile a Stoker, va a lui il merito di averli resi moderni con tratti e caratteristiche che sono quelle che oggi amiamo e conosciamo.
Il nome del Conte può suonare come originario della Transilvania ma gli irlandesi ne sanno di più. Infatti Stoker avrebbe potuto far derivare “Dracula” dall’irlandese “Dreach-Fhoula” che si pronuncia “Droc-ola” e che significa, per l’appunto, “sangue indesiderato, cattivo”.
Qualunque sia la verità, Dublino impazzisce durante il Bram Stoker Festival (25-27 ottobre) e i dublinesi sono entusiasti di poter rivendicare la paternità del racconto dell’orrore per eccellenza.
Il festival esplora molti aspetti della “Stokermania”: vita, retaggio e opere sanguinarie.
Unitevi allora alla città per godere di gotici orrori e sangue in abbondanza, attraverso film, itinerari guidati attraverso i luoghi macabri e segreti che hanno ispirato la fantasia di Stoker, spettacoli teatrali e laboratori di scrittura horror, tenuti da autori pluripremiati.
L’ultima parola della “vampiromania” va alla serata dedicata al teatro di strada che si svolge nel parco del castello di Dublino.
O immergetevi nella più che millenaria storia vampiresca, esplorando gli affollati ritrovi infestati da fantasmi della città. Il Gravediggers Pub, accanto al cimitero di Glasnevin è il luogo ideale per farsi coraggio bevendo qualcosa prima di salire a bordo del Dublin Ghost Bus tour. Organizzato per farvi stare sulle spine, l’itinerario si snoda attraverso l’intera gamma di luoghi macabri e sinistri.

BANKS OF THE FOYLE CARNIVAL

Derry- Londonderry è l’estremo quartiere generale di Halloween. Propulsore di horror, la seconda città ,in ordine di importanza storica, dell’Irlanda del Nord offre un setting diabolicamente perfetto per intrattenimenti notturni.
E il 2013 sarà un anno ancor più speciale. I festeggiamenti dilagheranno in una grandiosa miscela di ingredienti sinistri e arti diaboliche. Per tutto l’anno, Derry-Londonderry si è vista al centro di festeggiamenti per essere stata eletta UK City of Culture. É stato un anno che rimarrà nella storia: personaggi di importanza mondiale ed eventi-icona hanno generato un incredibile effetto positivo sulla città.
Il Banks of the Foyle Carnival (29 ottobre-3 novembre) è stato organizzato per battere tutti i record. Il tema di questa edizione è “Al di là di questo mondo” ed il programma è all’altezza della premessa. Immaginate Halloween in dimensione globale, come celebrato dalle culture di tutto il mondo.
Un’imponente sfilata fonderà tradizioni locali e globali in un’esibizione sontuosa di spettacoli tradizionali: saranno rappresentate le celebrazioni del Giorno dei Morti dell’America Latina e le solennità di Yu Lan, Cina, Kali Puja dall’India e dal Nepal e Pangangaluluwà dalle Filippine.
Derry è ansiosa di poter condividere con la gente l’entusiasmo dei festeggiamenti, del fuoco, della musica, della danza, dei fiori e dei colori.
La città ha pianificato un programma capillare di “dolcetti e scherzetti”: l’Alta Moda da brivido con lo Shapeshifter’s Catwalk, itinerari sulle tracce di tesori spettrali, compagnie di danza horror, lo Shapeshifter’s Ball ed uno spettacolo circense con il Very Curious Circus che propone ovviamente numeri……soprannaturali.
Avete paura del buio? Tranquillizzatevi. Tutta la città sarà illuminata a giorno. Uno spettacolare allestimento di luci, l’Awakening of the Walls, trasformerà la cinta muraria di Londonderry in una brillante e gigantesca tela, mentre i fuochi d’artificio e gli effetti speciali rischiareranno i cieli notturni.
Assicuratevi di approfittare degli spettacoli proposti. E’ l’occasione di una vita: alcuni tra i più importanti eventi al mondo, di arti visive e dello spettacolo, a portata di mano in un unico luogo.
Se la rivoluzionaria creatività emergente vi affascina, visitate la Turner Prize Exhibition. Per la prima volta nella storia, il più prestigioso premio d’arte contemporanea del Regno Unito, ha lasciato l’Inghilterra. Gli artisti candidati esporranno le loro opere, dal 23 ottobre, presso l’Ebrington Gallery.
Come è d’abitudine, in occasione di Halloween, Derry estende il suo benvenuto a tutti. Le uniche regole: calarsi nella parte e non presentarsi per come si è. Indossare un costume è il modo migliore per prendere parte alle celebrazioni più autentiche d’Europa che vedono l’intera popolazione inondare le strade sfoggiando maschere spiritose. Qui il costume è una forma d’arte e il solo assistere non è previsto.

GATHERINGS SPETTRALI

I Gaelici di tutto il mondo, sono arrivati inaspettatamente in Irlanda, per entrare in contatto con i clan e la cultura del Gathering 2013.
Questo massiccio ritorno in patria sta apportando nuova linfa vitale alle celebrazioni di Halloween.
E un grido di richiamo invita tutti i patiti dell’horror a partecipare al raduno. E chissà…anche fantasmi e demoni potrebbero pianificare un loro raduno speciale in Irlanda.
E quale posto migliore di Cork, dove la World Ghost Convention si è data appuntamento, negli umidi sotterranei della Cork City Gaol, il 25 ottobre, per la sua fortunata 13ma edizione? Perfino gli spettrali ospiti ,residenti nella prigione ,hanno voluto dimostrare la loro ospitalità, facendosi vedere dal pubblico.
La Convention, prima al mondo nel suo genere, fu istituita per dare la possibilità a chi si era imbattuto in incontri soprannaturali, di condividere ed approfondire le proprie esperienze con l’aiuto di eminenti protagonisti nel campo.
In tutta l’Irlanda i latti bui e luminosi di Halloween miscelano brividi ed emozioni. Fatevi risucchiare dal Donegal Dracufest e dallo Sligo’s Stoker e spaventatevi a morte al Shankhill Castle Scarefest a Kilkenny. Perfino i pipistrelli si stanno radunando nella città di Monaghan per l’Halloween Bats Festival.
A Mayo, la Ballina’s Samhain Abhainn ha un gusto decisamente irlandese. Oppure esplorate il lato spirituale del Celtic Spirit Gathering che si svolgerà a Galway.
Se Halloween è il vostro delirio preferito, preparate il mantello e i canini , raggiungete il luogo dove tutto ha avuto origine e unitevi ad uno spaventoso divertimento.

Halloween declinato in ogni suo aspetto lo trovate solo in Irlanda!

Foto by Visit Dublin

www.irlanda.com

www.spiritsofmeath.ie

www.pumpkinfestival.ie

www.visitdublin.com/event/Bram_Stoker_Festival

www.derrycity.gov.uk/halloween

www.cityofculture2013.com

http://corkcitygaol.com

www.thegatheringireland.com

By | 2020-04-22T08:57:02+00:00 settembre 2013|Destinazioni, Europa|