Viaggiare News
Proposte tour operator

PiratinViaggio: con chi vuoi partire in viaggio?

PiratinViaggio, grazie ad una sua indagine,  ha appurato che per gli italiani la persona ideale con cui andare in vacanza è il/la proprio partner.

È il/la partner la persona preferita dagli italiani per andare in viaggio, scelta con il 63% delle preferenze davanti ad amici e amiche (25%) e ai membri della famiglia (12%) – tra cui spiccano soprattutto i figli (8%).

Sorprendentemente, gli italiani si dimostrano più abitudinari di quel che si potrebbe immaginare: la preferenza per il proprio partner risulta infatti più alta per coloro che sono sposati o in una relazione stabile (78%), mentre scende al 33% per coloro che si dichiarano in una relazione aperta.

Tra le generazioni, la Gen Z è la fascia d’età più propensa ai viaggi all’insegna dello svago con gli amici, al primo posto nel 39% dei casi, mentre calano sia le preferenze per le vacanze con il partner (56%) e, soprattutto, quelle in famiglia (5%).
Non a caso, è proprio questa la fascia d’età più incline ai flirt: il 49% dichiara di aver avuto una storia in vacanza, contro il 44% della media nazionale e il 30% dei Baby Boomers, che si posizionano invece come la generazione più “tranquilla”.

I genitori poi non sembrano proprio riuscire a separarsi dai propri affetti, tanto da scegliere i figli con il 20% dei voti, preferendoli anche agli amici, fermi al 14%.

Curioso infine notare come tale gradimento sia più alto per i genitori più navigati, forse in virtù della maggior esperienza che consente loro una gestione più serena della prole, presumibilmente anche più cresciuta.

Nel caso della Gen X la percentuale sale infatti oltre il doppio rispetto alla media nazionale, raggiungendo il 17%, nel caso dei Baby Boomers si arriva all’11%, mentre scende al 6% per i genitori Millennials e addirittura al 2% considerando solo la fascia dai 25 ai 34 anni.

Apprezzati anche i viaggi con coppie, possibilità che raccoglie il favore del 62% degli intervistati.
Particolarmente propensi coloro che hanno figli o sono in una relazione stabile, con percentuali che salgono al 66%, abbassandosi invece al 45% nel caso dei single e al 59% per chi non ha figli.

L’organizzazione, il budget e… il russare! I compromessi più difficili da accettare

La formula più gettonata quando si tratta di viaggiare con il partner ideale è quella dei soggiorni di breve durata, non oltre la settimana (71%).
In particolare il 13% sceglie i viaggi della durata di un weekend; solo il 26% preferisce invece vacanze più impegnative, anche oltre i 14 giorni.

D’altronde, le vacanze possono mettere a dura prova anche i legami più solidi e la condivisione dell’esperienza passa inevitabilmente dall’accettare alcuni compromessi.
Lo conferma il fatto che per il 53% degli italiani anche la persona con cui si preferisce viaggiare può essere fonte di irritazione.

L’aspetto che più infastidisce è il diverso approccio nell’organizzazione delle giornate, opzione scelta con il 27% dei voti, davanti al russare (15%) e a una diversa attenzione alle spese e al budget (14%).

 Pirati in Viaggio

PiratinViaggio.it, il portale di offerte di viaggio più seguito in Italia, fa parte di HolidayPirates Group, con sede principale a Berlino.
Il gruppo ha 10 siti web diversi in tutto il mondo: Italia, Germania, Francia, Regno Unito, Olanda, Austria, Polonia, Spagna, Svizzera e Stati Uniti.

Qui si possono trovare le migliori offerte di viaggio relative a voli, pacchetti vacanze, hotel, crociere e coupon di viaggio.

Le offerte sono selezionate dal team editoriale tra i migliori siti di prenotazione online.

L’approccio multicanale che caratterizza il brand, con 1,5 milioni di fan su Facebook, oltre 800.000 follower su Instagram e 1,5 milioni di sessioni al mese sul sito italiano, fa dell’interazione con la community il punto di forza della piattaforma.

CONDIVIDI:

Articoli simili

I viaggi di WeRoad, ripartenza perfetta dopo i lockdown

ugo

Norama vi invita a teatro: fra le dune Sahara un concerto live

anna.rubinetto

Le Seychelles di Seyvillas

anna.rubinetto

Scrivi un commento

Please enter an Access Token