Viaggiare News
News

The Telegraph segnala le TOP 10 vacanze attive in Italia

The Telegraph, prestigioso quotidiano inglese ha scelto le 10 migliori vacanze attive in Italia: tra queste, la settimana in bici+barca da Mantova a Venezia del tour operator Girolibero a bordo della barca Ave Maria.

La scelta è quanto mai attuale in quanto l’itinerario sposa i temi di EXPO 2015: sostenibilità, made in Italy, sapori e tradizioni gastronomiche del territorio.

 

Veneto in bici e barca

Un po’ di navigazione, un po’ di bici. Questa è la formula di una vacanza in Bici & Barca, invenzione olandese portata in Italia nel 2008 dal tour operator Girolibero, specializzato in vacanze in bicicletta

La proposta ha meritato la menzione tra le 10 vacanze attive da non perdere nel nostro Paese: un facile itinerario che permette di scoprire i gioielli architettonici e artistici tra Mantova e Venezia e il paesaggio rurale del basso Veneto, che grazie a questo progetto ha conosciuto un forte rilancio turistico.

Tutto grazie al fiume Po e ai canali che lo affiancano, dove navigano le barche-hotel Ave Maria e Vita Pugna, e che disegnano l’asse ciclabile dei cicloturisti ospitati a bordo.

Ogni mattina gli ospiti scendono con la bici (a disposizione in barca) per affrontare una facile tappa sui pedali (in media 50 km a ritmo lento) su strade lontane dal traffico e, dove presenti, su piste ciclabili. Il percorso è completamente pianeggiante si affronta in compagnia di un accompagnatore esperto o “in libertà” leggendo la guida ciclabile fornita (edita dallo stesso tour operator  anceh in inglese).

L’ “hotel galleggiante” segue via fiume le tappe ciclabili ed è raggiunto dai ciclisti a fine tappa per la cena e il pernottamento. La barca può naturalmente diventare un punto d’appoggio nelle giornate pigre, una bella comodità per chi una mattina non avesse voglia di pedalare!

L’itinerario giorno per giorno, con prezzi e partenze 2015 è sul sito di Girolibero.

 

Le barche-hotel in Italia

Ave Maria, barca 100% Made in Italy: questa barca italiana, assimilabile a un hotel 4*, è stata totalmente ricostruita per soddisfare le richieste dei clienti più esigenti. È rimasto solamente lo scafo della barca originale degli anni ‘70 che navigava lungo il Po ed ora è completamente rinnovata. Il progetto è stato realizzato da un rinomato team di architetti italiani e la barca può dirsi a tutti gli effetti “ecosostenibile”: climatizzazione e illuminazione a risparmio energetico, sistema di depurazione delle acque scure, impiego in cantiere di ditte locali a km “0” e navigazione che riduce al minimo dell’erosione delle sponde.

Le sue cabine, tutte con servizi privati, ospitano fino a 40 persone. L’ampia sala ristorante con maxi schermo 52”, wi-fi e lounge accoglie gli ospiti per colazione e cena, preparate dal personale di bordo.

Per godersi qualche tratto di navigazione c’è un grande ponte sole che nelle sere d’estate può diventare ristorante panoramico sul fiume. Maggiori dettagli sul sito www.avemariaboat.com.

 

 Vita Pugna, il fascino di uno storico battello olandese.

Più piccola di Ave Maria, ospita a bordo fino 21 persone, con alloggio in comode cabine doppie (una può divenire tripla) con letti bassi e servizi privati.

Girolibero ha portato Vita Pugna in Italia da Amsterdam nel 2008: la barca ha affrontato un’avventurosa navigazione via Reno, Danubio, Mar Nero e Mar Adriatico e dopo le opportune modifiche e ristrutturazioni, nel 2009 ha iniziato la sua prima stagione turistica. Vita Pugna è la barca adatta a chi cerca l’atmosfera accogliente delle crociere sui canali olandesi, perfetta anche per piccoli gruppi che la vogliono noleggiare in esclusiva

Il plus: cucina di bordo a km0

Ingredienti freschi acquistati nei mercati locali e dai produttori vicini agli ormeggi, garantiscono ai cuochi di Ave Maria e Vita Pugna uno standard gastronomico molto alto. Le recensioni che arrivano dagli ospiti plaudono sempre all’ottima cucina locale servita dal personale di bordo, che sceglie prodotti del territorio e ricette tradizionali. Esperienza culinaria tra le più gradite è la cena di pesce servita quando la barca ormeggia a Chioggia o a Venezia: pesce freschissimo e di prima scelta viene consegnato ai cuochi di bordo.

Una vacanza da tutto esaurito

1.500 persone l’anno scelgono il bici&barca tra Mantova a Venezia e per lo più sono stranieri: molti gli inglesi (da qui la preferenza del Telegraph) ma a parlare inglese sono anche molti ospiti americani e persino australiani e neozelandesi. Dall’area scandinava arriva una buona parte della clientela europea, insieme a olandesi, belgi e naturalmente tedeschi, grandi appassionati di vacanze in bicicletta.

Ottime prospettive anche per il 2015: il t.o Girolibero prevede di registrare il tutto esaurito anche il prossimo anno, segno che una proposta turistica innovativa e di qualità, sa essere premiata.

Non dimentichiamo che il 2015 sarà l’anno di EXPO, edizione che sposa le caratteristiche del bici e barca Mantova–Venezia: sostenibilità, made in Italy, sapori e tradizioni gastronomiche del territorio.

Girolibero, tour operator

Specializzato in vacanze facili in bicicletta, è oggi il principale in Italia in questo settore. Girolibero organizza e vende vacanze in bicicletta, con circa 200 itinerari in tutto il mondo, prevalentemente nei paesi europei più “ciclabili”: Olanda, Austria, Germania, Francia, Belgio.

Le vacanze Girolibero in sintesi: pernottamento in strutture selezionate, trasporto bagagli da hotel a hotel, cartografia e informazioni dettagliate, assistenza telefonica, assicurazione medico/bagaglio, noleggio bici.

I tour proposti possono essere “in libertà” o in gruppo con accompagnatore: nel primo caso il cicloturista si orienta lungo l’itinerario ciclabile in autonomia con un dettagliato materiale informativo e mappe ciclabili; nel secondo caso ci si aggrega a un gruppo di altri partecipanti e ci si lascia guidare da un accompagnatore esperto che fa da apripista.

 

CONDIVIDI:

Articoli simili

Make your BIT

redazione1

Aprono i primi due FLYCLUB mare Italia

claudia.dimeglio

Jokkey.com, la “rivoluzione” da social a network di Francesco Lentini

anna.rubinetto
Please enter an Access Token