Viaggiare News
Destinazioni

Il Festival Internazionale dei Fuochi d’Artificio a Malta

Anche quest’anno Malta celebrerà il suo International Fireworks Festival, evento giunto alla sua XII edizione,  che offre ogni anno uno spettacolo che attrae migliaia di visitatori e che rientra nel programma delle  celebrazioni per l’anniversario dell’adesione dell’arcipelago all’Unione Europea.

 Il calendario prevede tre serate in tre differenti location: il 26 aprile  sarà il pittoresco villaggio di pescatori di Marsaxlokk ad ospitare lo spettacolo, che il 28 aprile avrà invece luogo nella graziosa Mellieha. Il gran finale del 30 aprile, come da tradizione, si terrà nel magnifico e maestoso scenario del grande porto di Valletta.

Il festival ha guadagnato meritatamente il titolo di ‘internazionale’ grazie alla partecipazione  di importanti compagnie pirotecniche arrivate nel corso degli anni da Australia, Canada e Venezuela, così come dall’Italia, l’Austria e la Polonia.

Il festival è un’occasione particolarmente sentita dal popolo maltese, perché la tradizione dei fuochi d’artificio è viva e ben presente a Malta sin dai tempi dei cavalieri. I fuochi, o musketterija hanno origine dal saluto di benvenuto che veniva fatto ai dignitari, accolti con scoppi di cannoni.

Quelli che all’epoca in Italia venivano chiamati i solfarelli d’aria, sono sempre presenti nelle numerose feste di paese che riempiono i calendari di Malta e Gozo e che sono all’origine delle ben 32 aziende produttrici di fuochi d’artificio disseminate in tutto l’arcipelago. E una tale densità di professionisti pirotecnici non potrà che essere garanzia di un incredibile spettacolo anche per l’edizione 2013!

Il sito ufficiale del Festival: www.maltafireworksfestival.com

Scarica l’app della Malta Culture Guide su: www.maltacultureguide.com

CONDIVIDI:

Articoli simili

A Molveno per vivere la montagna con le Alpitudini

redazione1

STIRIA, DOVE LO SCI E’ VERAMENTE PER TUTTI

anna.rubinetto

Con “Temporary Store”, Trawelfly offre 500 posti a tariffa garantita

redazione1

Scrivi un commento

Please enter an Access Token