Viaggiare News
Benessere Hotel News

Sagron Mis……tero!

SAGRON MIS……TERO, già, perchè, innanzitutto, il mistero sta nell’origine del nome di questa località, e poi perchè molti di voi, ma ancora per poco,  non sanno dove si trova. Nell’estrema zona orientale della provincia di Trento, a due passi dal confine con il Veneto e la provincia di Belluno, sulla strada che da Fiera di Primiero porta ad Agordo ( zona Pale di San Martino di Castrozza) c’è questa piccola località dal fascino indiscutibile.

 Lascio a voi scoprire  l’origine del nome: sarà  affascinante…..!

 Sensoriale, autentica, emozionale: queste le parole  per descrivere l’esperienza che proverete a Sagron Mis, un gioiello paesaggistico nel cuore delle Dolomiti trentine.

Un W.E. particolare, durante il quale  potrete cimentarvi in un’escursione lungo il sentiero interpretativo, provare l’arrampicata su roccia, assistere alla lavorazione delle tipiche careghe, o, semplicemente, concedervi un meritato relax dallo stress quotidiano, coccolati dal calore e dai comfort della Baita Sagron Mis – Dolomiti.

Il candore della neve di questi giorni renderà l’atmosfera ancora più magica.

 Un viaggio alla scoperta di un angolo di Trentino davvero ricco di sorprese, nella località di Sagron Mis, per conoscere da vicino un territorio assolutamente distante dalle rotte del turismo di massa, vivendo un fine settimana di rigenerante semplicità.

Gli ospiti di questa piccola, ma deliziosa località, potranno così assaporare le tante peculiarità di questo tesoro paesaggistico e culturale, facendo attività sportive e gustando le primizie gastronomiche della cucina locale, proposte nel rispetto delle antiche tradizioni del luogo.

Ad accogliervi sarà la nuovissima Baita Sagron Mis – Dolomiti, inaugurata con successo lo scorso luglio e fiore all’occhiello della località, che ha nel silenzio, nella tranquillità e nel rispetto per la natura i propri punti di forza. Così il calore tipico della baita di montagna, insieme a una cucina genuina e tradizionale e a comfort di alto livello, come la Spa con sauna e idromassaggio e la palestra,  vi coccoleranno per tutta la durata della vostra visita.   Non fatevi mancare un’ escursione in Val delle Moneghe, accompagnati dalle esperte guide alpine, lungo un percorso di 4 km che porta al rifugio forestale. E dopo esservi scaldati davanti al fuoco con un buon bicchiere di caldo vin brulè, accompagnato da salumi e formaggi locali, provate l’emozione del rientro su una slitta trainata dai cavalli.

Tipico di questo paesino è il circolo autogestito del paese, uno spazio di cui tutti gli abitanti hanno le chiavi di ingresso e che basa il suo utile sulla fiducia reciproca, dove i locali realizzano le “carieghe”, le tipiche sedie di legno intagliato, interamente realizzate a mano, un’arte che risale alla fine del ‘500 e che da tempo immemorabile costituisce vanto e simbolo di Sagron Mis.

E’ proprio questo il segreto ed anche il fascino nascosto di un territorio ancora tutto da scoprire, lontano dal turismo di massa, dove a predominare sono la quiete più assoluta, il vero contatto con la natura e con le tradizioni, che sa guardare al futuro con progetti lungimiranti legati alla storia e alla cultura della sua gente.

Foto by Sagron Mis

 

 

 

CONDIVIDI:

Articoli simili

Regione che vai… autunno che trovi con Wimdu

anna.rubinetto

Dove.it: 5 esperienze lussuose da fare in viaggio vendendo casa senza commissioni di agenzia

redazione1

CLiCK iT, il nuovo portale dei viaggi undertourism in Italia

anna.rubinetto

Scrivi un commento

Please enter an Access Token