Viaggiare News
Offerte e Last Minute tour operator

Cile: Viaggiare in libertà tra i vigneti

Self drive per degustare tra lusso e relax il vino cileno. RUTA 40 ha pensato ad un viaggio  alla scoperta del paese sudamericano, dei suoi migliori vigneti e delle case vinicole più antiche e prestigiose del paese.  

Nettare degli dei, conforto dei mortali, il vino è una meravigliosa pozione

che ha il potere di allontanare le preoccupazioni e di offrirci,

anche solo per un istante, la visione del paradiso

Isabelle Allende nel suo libro “Afrodita

Così Isabelle Allende, scrittrice, argentina di nascita ma cilena di adozione, descrive il vino facendo riferimento in particolare a quello cileno, dalla forte personalità, dal gusto corposo e profumato, dal colore vivo e acceso, dal profumo forte e inebriante che merita appunto una menzione speciale in quanto frutto prezioso di una terra bellissima, ancora isolata per buona parte da deserti, montagne altissime, ghiacci e venti, fattori che favoriscono la concentrazione di profumi nei vini.

Oltre ad essere apprezzato come il più rilevante produttore di vino del Sud America, il Cile è riconosciuto dalla storia come uno dei primi Paesi dell’emisfero australe ad iniziare coltivazione dell’uva che risale al 1500 quando lo spagnolo Cortès fece piantare il Pais ancora oggi è largamente diffuso, mentre dalla metà dell’800 vennero importate varietà dalla Francia.

La zona di produzione che attira i visitatori di tutto il mondo, curiosi ed intenditori insieme, è in particolare la Valle di Colchagua, che i cileni chiamano la Ruta del Vino (www.rutadelvino.cl); è una zona di circa 30 Km, “scrigno baciato dal sole” nel vero senso della parola, racchiudente la migliore produzione vinicola del paese. Ognuna delle cantine che sorgono in questa zona ha decenni di storia e tradizione tramandate di figlio in figlio, preziose conservatrici dunque di un patrimonio divenuto mondiale.

RUTA 40 propone un nuovissimo itinerario dedicato a tutti gli appassionati di vino perché permette di visitare le aziende vinicole più prestigiose del Cile e di degustarne i prodotti migliori. Per comprendere e apprezzare appieno la bellezza e la ricchezza culturale di questa terra, avrete la possibilità di viaggiare in tutta libertà per vivere una magnifica esperienza lungo la Valle Colchagua, tra le migliori regioni vitivinicole del mondo. Attraverserete vasti vigneti, degusterete vini pregiati e naturalmente visiterete le più note case vinicole.

CHECK-IN: Self drive tra i vigneti cileni (11 giorni/10 notti – esclusi voli da/per l’Italia)

Itinerario: Santiago, Valle  Colchagua, Valle de Casablanca, Valparaiso, Valle del Aconcagua, Santiago.

Quota:a partireda € 3.569,00 in doppia a persona (VOLI INTERNCONTINENTALI ESCLUSI)

La quota comprende: camera standard 2 pernottamenti in htl Altiplanico San Alfonso, 1 notte a Las Majas de Bisquertt, 1 in Casa L’Apostolle, 1 in htl Santa Cruz, 2 notti in htl Zero ed 1 in htl Enjoy del Valle), pasti come da programma, degustazioni e visite da programma, noleggio auto cat B1 (tipo o similare B1 Nissan Tiida) con assicurazione base e km illimitato

La quota non comprende: VOLI INTERCONTINENTALI DA/PER L’ITALIA, pernottamenti a Santiago del Cile, benzina ed assicurazioni facoltative, upgrade di camera e tutto quanto non indicato ne “la quota comprende”.

VOLO INTERCONTINENTALE DA/PER L’ITALIA:

DA 600 EURO A PERSONA – TASSE ESCLUSE (bassa stagione)

La prima sosta imperdibile di questo viaggio, è sicuramente la Valle del Maipo, dove venne fondata più di 100 anni fa (1883) la più importante impresa enoica cilena. Dopo aver visitato alcune cantine tra cui la bodega Viña Concha y Toro, riconosciuta in tutto il mondo, potrete dirigervi verso la Valle del Colchagua.

Questa regione, considerata dalla rivista Wine Enthusiast la migliore al mondo sia per la qualità del mosto che per la meraviglia dei suoi paesaggi, si estende su una superficie di 20,000 ettari ovvero il 20% dei vigneti del paese. Famosa per la fertilità dei suoi terreni, perfetti per il Cabernet sauvignon e il Carmenere, un vitigno esclusivamente cileno, accoglie sulle sue terre anche il Syrah, il Malbec e il Cabernet franc. Visitate ad alcune aziende vinicole, molte di esse fondate durante il XIX secolo, come la prestigiosa cantina Casa Lapostolle e la bodega Apalta.

Non appena avrete avuto modo di degustare alcuni dei prodotti per entrare meglio in contatto con il risultato finale di queste cantine, non perdetevi il Museo di Colchagua, museo privato più ricco del Cile che dispone di un’interessante collezione di insetti intrappolati nell’ambra e oggetti risalenti alle culture precolombiane.

Proseguite ancora verso la Valle de Casablanca, in prossimità dell’Oceano Pacifico, famosa per le eccellenti qualità di vino tanto da essere considerata come una delle zone che in futuro sarà probabilmente il riferimento dell’enologia Cilena, in particolare per i vini bianchi a base di Chardonnay e Sauvignon Blanc.

Percorrendo la Panamericana, una visita a Valparaiso, dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, che conserva l’atmosfera dei grandi velieri e dei navigatori di Capo Horn, ottimo punto di partenza per visitare la Valle del Aconcagua, ai piedi della cordigliera delle Ande.

Seguendo la rotta del vino… Feste ed esperienze uniche da non perdere!

Il Treno del Vino

Parte ogni sabato dalla stazione centrale di San Fernando: è possibile prenderlo da qui o da Santiago. Si tratta di un treno a vapore che porta a spasso i suoi vagoni antichi sul percorso che collega San Fernardo e Santa Cruz, passando attraverso centinaia di vigneti e le principali cantine della zona. A bordo i passeggeri vengono coccolati con degustazioni dei migliori vini, musica dal vivo e squisiti formaggi autoctoni. A Santa Cruz i viaggiatori sono accolti da una fanfara ed accompagnati ad un ristorante della tradizione. La fine del tour? Una visita all’interessantissimo Museo di Colchagua (maggiori informazioni: www.visitchile.com).

            La festa della vendemmia – Marzo 2013

La prima domenica di marzo si tiene a Santa Cruz la festa della vendemmia; la piazza del paese sembra un’unica, grande e festante cantina nella quale ogni azienda ha un proprio spazio in cui far assaggiare la migliore produzione. Qui con un bicchiere vuoto in mano (pagato all’entrata) si procede di stand in stand, di mescita in mescita degustando gratuitamente ogni vino qui offerto e assaggiando le specialità culinarie del paese come le famose “empanadas de queso o de carne”.

Informazioni e prenotazioni: RUTA 40 –  www.ruta40.it 

CONDIVIDI:

Articoli simili

Alle Terme della Salvarola (Mo) per una Pasqua golosa ma leggera e senza calorie

redazione1

Oktoberfest 2013: trucchi e consigli di KAYAK.it per i veri cacciatori di offerte!

anna.rubinetto

T.O. Il Diamante: una proposta speciale per i 250 anni dell’HERMITAGE

claudia.dimeglio

Scrivi un commento

Please enter an Access Token