Destinazioni

Come scoprire la Val di Fiemme sulle due ruote

Tra piste ciclabili e territori incontaminati, tra le mitiche salite del giro d’Italia e percorsi che prevedono passaggi su ponti tibetani, la Val di Fiemme permette a tutti gli appassionati di bici, non solo esperti, di trascorrere una vacanza pedalando immersi in un paesaggio meraviglioso.

La Val di Fiemme è decisamente una valle bike-friendly non solo per aver dedicato spazio a infinite piste ciclabili, ma anche perché sono presenti una serie di strutture ricettive sul territorio che favoriscono il ciclo turismo, e perché ospiterà numerosi eventi a tema nei prossimi mesi.

Oltre 1.200 km di percorsi fuori pista da affrontare con la propria mountain bike, scaricabili gratuitamente dal sito www.dolomitilagoraibike.it  che si estendono tra i Parchi Naturali del Monte Corno e quello di Paneveggio Pale di S. Martino. Il Dolomiti Lagorai Bike Grand Tour, è un itinerario percorribile in 7 giorni e collega tracciati Mtb per una lunghezza di 400 km. Il tracciato si sviluppa tra laghi balneabili come Levico e Caldonazzo, affronta le cime della Catena del Lagorai e vette dolomitiche, comprese quelle del Gruppo Sella e delle Pale di San Martino. Il percorso, adattabile secondo le proprie capacità o il proprio grado di allenamento, è percorribile solo in parte mentre i dislivelli, possono essere superati con l’ausilio di impianti di risalita aperti da metà giugno a metà settembre.

Nell’ambito della promozione dell’uso di mezzi ecosostenibili, la FiemmeE-motion propone escursione guidate in e-bike. Seguendo i consigli di un istruttore, ciclisti con qualsiasi livello di preparazione, potranno avventurarsi in tour dedicati lungo il tracciato della pista ciclabile o della Vecia Ferrovia, che si snodano nel Parco Naturale di Paneveggio Pale di San Martino . Utilizzando i mezzi dotati di “pedalata assistita”, si possono raggiungere località fino a qualche anno fa riservate solo ai più allenati. La Trentino & FiemmE-motion Guest Card offre sconti sul noleggio di mezzi a pedalata assistita.

Si snoda lungo il torrente Avisio, nel tratto compreso tra Molina di Fiemme fino a Canazei, una pista ciclabile di 50 km su un tracciato tranquillo e panoramico. La pista ciclabile delle Dolomiti non è solo adatta alle famiglie che intendono trascorrere qualche giorno immersi in un angolo di paradiso terrestre, ma è una località che rappresenta un trampolino di lancio per “ciclisti veri” considerato che, da Molina di Fiemme, si può vivere l’emozione di scalare il Passo Manghen, di raggiungere i quattro passi della Sellaronda nella riserva dei cervi nel Parco Naturale di Paneveggio Pale di S. Martino. La pista ciclabile ha un dislivello di 650 metri ma, nel periodo estivo tra metà giungo e metà settembre, è percorribile in discesa effettuando la salita a bordo di Fiemme Fassa Bike Express. Dopo aver caricato le bici a bordo della navetta, si può scendere in una delle 15 fermate previste lungo il percorso. Per i possessori della Trentino & FiemmE-motion Guest Card sono previsti degli sconti.Come scoprire la Val di Fiemme sulle due ruote

Per gli amanti della natura, per tutti coloro che non sono dei veri e propri cicloturisti ma vogliono provare l’esperienza di visitare il Parco di Paneveggio a bordo di una mountain bike o, perché no, su una e-mtb per godere di una comoda pedalata assistita, possono rivolgersi al Centro visitatori del parco per noleggiare i mezzi. Qui le offerte riguardano oltre ai possessori della Trentino & FiemmE-motion Guest Card, anche per le famiglie che affittano più di due bici che ne riceveranno una gratuita. Una volta affittati i mezzi scelti, si può percorrere il sentiero ciclabile lungo il torrente Travignolo che arriva fino a Pian dei Casoni e a Malga Venegia. Nel periodo compreso tra metà giugno e tutto settembre, si possono raggiungere gli affascinanti scenari dolomitici della Val Vanegia con una comoda navetta gratuita e percorrere il tratto in discesa.
All’insegna del Giro d’Italia, tra l’altro quest’anno arrivato alla sua centesima edizione, la Dolomitics Travel propone di trascorrere una vacanza tra le “salite rosa” più altisonanti. Accompagnati da un team di veri esperti, che ha studiato percorsi immersi nel verde, i road bikers possono affrontare valichi come il Pordoi, il Fedaia, il Sella e il Manghen, che tanto hanno fatto sognare i tifosi e sui quali, si è scritta la storia del ciclismo italiano. La Dolomitics Travel propone offerte come “Tre giorni da Pro”, “La settimana perfetta” e “6 giorni point to point” che comprendono un servizio completo inclusi transfer dall’aereoporto, mappe, navette, integratori, massaggi, assistenza tecnica, servizi fotografici, cene in ristoranti tipici e party dedicati al mondo delle bici.
Da segnalare inoltre, che il vecchio percorso per mountain bike di Bellamonte è stato migliorato. Con partenza da Castelir, caricando la mtb sulla cabinovia Bellamonte 3.0, ci si può immergere nel parco naturale fino ai prati di Canvere. Un nuovo single track parte da Malga Canvere e riporta alla cabinovia. Per chi vuole ammirare il panorama sulla Catena del Lagorai e Pale di San Martino si può arrivare fino a Malga Bocche con la possibilità poi di passare dal Forte Dossaccio.
I più “coraggiosi” potranno provare l’ebrezza di affrontare due agevoli ponti tibetani che si affacciano sulle cascatelle del torrente Travignolo. Il tracciato che conduce ai ponti passa fra le foreste dei violini dove crescono gli abeti rossi, tesoro per i liutai di tutto il mondo. Partenza dal Centro visitatori del parco di Paneveggio seguendo l’indicazione per Forra del Travignolo. Dopo aver costeggiato le sponde del lago di Fortebuso si giunge in località Sottosassa dove, sulle caratteristiche Falesie, ci si può cimentare nell’arrampicata sportiva. Il percorso termina a Predazzo e per rientrare al punto di partenza si possono utilizzare i mezzi pubblici (si consiglia di verificarne gli orari prima di mettersi in moto). www.visitfiemme.it

Nel 2017 saranno diversi gli appuntamenti che coinvolgeranno gli appassionati delle due ruote.

Si inizia il 2 giugno con Fiemme Senz’auto, per una giornata da trascorrere all’insegna dell’eco-compatibilità, percorrendo la statale 48 sulla quale verranno organizzati eventi collaterali alla kermesse che coinvolge con l’allegria delle numerose famiglie che vi partecipano.
Sempre nel primo fine settimana di giugno si svolgerà la Marcialonga Cycling Craft, giunta alla sua 11ª edizione. Si parte venerdì 2 con la novità dell’anno, Gara a Scatto Fisso tra i vicoletti di Predazzo, il 3 saranno di scena i ragazzi fino a 16 anni nella Minicycling con un percorso di 850 metri sempre nel centro storico di Predazzo. La manifestazione si chiude domenica 4 con la granfondo di 135 km (prevista anche la Mediofondo di 80 km) con partenza da Predazzo.
Lanciata anche quest’anno la sfida non competitiva di 24 ore da parte degli organizzatori della 2ª Dolomitics24. Dal 17 al 18 giugno, su un anello stradale ai piedi del Gruppo dolomitico Latemar, fra il Passo Pampeago e il Passo Lavazé, gli atleti si potranno sfidare su un anello di 28.2 km.
Dall’8 al 9 luglio, lungo 3 percorsi adatti a tutti i livelli di preparazione fisica, con partenza dal lago di Tesero e arrivo a Pampeago, sarà di scena la 4ª Randolomitics, una cicloturistica non competitiva da svolgere con qualsiasi mezzo a due ruote purché spinto dalla forza muscolare. www.dolomitics.it
Sfruttando il fascino del tracciato della vecchia ferrovia domenica 6 agosto appuntamento per gli escursionisti ed e-bikers ad ora Ora, in provincia di Bolzano, per raggiungere Molina di Fiemme attraverso un percorso di 40 km nell’ambito della 21ª La Vecia Ferrovia de la Val de Fiemme.  www.laveciaferovia.it
Altra sfida estrema, questa volta in un appuntamento non competitivo dedicato alle Mountain Bike. Dal 2 al 3 settembre si svolgerà la 24h Valdifiemme MTB, su un anello di 5 km dinamico e impegnativo. Prevista anche una versione di 6 ore. www.dolomitics.it
Il 6º Trofeo Passo Pampeago in Trentino, si svolgerà il 17 settembre. Una cronoscalata da professionisti con cui, negli ultimi anni, si sono confrontati i veri campioni di questo sport. www.latemar.it
In concomitanza degli eventi, su www.visitfiemme.it potrete trovare diverse proposte di soggiorno a partire da 80 euro . Numerose anche le possibilità per noleggiare le bici, inoltre presenti sul posto anche alcuni centri Bikeschools.

Vacanze adatte veramente a tutti, a famiglie con bimbi, ad appassionati esperti o alle prime armi, a chi vuole rilassarsi in passeggiate divertenti immersi nella natura o ad atleti che vogliono confrontarsi in qualche competizione. In Val di Fiemme, la valle bike friendly, il ciclo turismo oggi è una realtà solida e ben organizzata. Buona pedalata a tutti.

Per info: visitfiemme.it

Emanuele Scigliuzzo.

Articoli simili

Dubai Tourism misura la soddisfazione dei suoi clienti, l’98% promuove la destinazione.

redazione1

L’Emilia Romagna si mette in vetrina per ripartire

ugo

Innamorarsi di Napoli in primavera

anna.rubinetto