Viaggiare News
Americhe Hotel Mare

Lo splendore di Antigua al Jumby bay resort

E’ la più estesa delle isole sottovento, nel cuore dei piccole Antille: Antigua è una delle mete turistiche più ricercate dei Caraibi. Una ragione ci deve pur essere. Non solo una. La sua posizione strategica, che consente ai visitatori comode escursioni verso numerose isole limitrofe grazie anche a collegamenti aerei e marittimi eccellenti; le spiagge di sabbia bianca; le baie protette dalle coste frastagliate; il clima, che ad Antigua è uno dei migliori dei Caraibi, con pochissime piogge; la brezza costante che mantiene l’aria fresca e la temperatura intorno ai 26 gradi, che sale a 28 da maggio a novembre. 80 mila abitanti sparsi nei 280 metri quadri di superficie, ma concentrati soprattutto a Saint John’s, capitale dello Stato che oltre ad Antigua comprende la meraviglia incontaminata di Barbuda.

Sul versante ovest di Antigua,  una baia da cartolina ospita Jumby bay resort. Struttura storica, ha riaperto nel 2009 dopo una profonda ristrutturazione, un restyling da 28 milioni di dollari. Jumby Bay è un resort unico nel suo genere: un rifugio raffinato, dotato di 40 splendide camere e suite, di cui 28 nuove suite a pochissimi passi dalla spiaggia, 17 ville e 16 Estate Homes sparse in quasi un terzo dei 300 acri dell’isola. Ogni camera è una lussuosa oasi impreziosita da pavimenti in cotto, tappeti in bamboo intrecciato, sedie di legno e pareti con intonaco bianco. Tutte le camere e le ville sono immerse nel verde rigoglioso di palmizi secolari, si affacciano direttamente su spiagge private offrendo splendide viste del mar dei Caraibi e sono dotate di aria condizionata, mini-bar, biancheria di finissima fattura, cassaforte, senza dimenticare il room service attivo 24 ore su 24 e la pulizia in camera 2 volte al giorno. TV/DVD, stereo con lettore CD, ombrellone e bicicletta per ciascun ospite per spostarsi all’interno della proprietà completano l’offerta. Le ville hanno inoltre accesso a internet, forno a micro-onde, frigorifero, cucina, lavastoviglie e un golf-cart a 4 posti.

La ristorazione è d’eccellenza, con quattro diverse opportunità. Il V Restaurant & Bar presso The Verandah, all’aperto, si trova a due passi dalla spiaggia. La cucina con forno a legna, l’esposizione degli ingredienti freschi e la cantina di vini ben fornita sono solo alcune delle caratteristiche. La terrazza al piano superiore è protetta da immense porte-finestre che offrono viste panoramiche dell’oceano. Qui, è possibile organizzare cene private per un massimo di 8 persone con l’assistenza di uno chef dedicato che preparerà i piatti ordinati illustrandone i vari ingredienti, mentre un sommelier consiglierà i vini più adatti a ciascuna portata. Alternativa elegante è The Estate House, struttura di ispirazione spagnola la cui cantina dei vini   è tra le più rifornite dei Caraibi. Per il dopo cena l’Estate Bar, una brasserie bordo piscina che ricorda i privé per soli uomini dell’Indocina o di Casablanca prima della grande guerra.  Infine, Il bar sulla spiaggia, un chiosco colorato che serve colazioni continentali, spuntini e pranzi veloci ispirati ai sapori locali, per un’esperienza culinaria autentica e gustosa.

Una delle novità del restyling del Jumby Bay è la Spa Sense, A Rosewood Spa™ at Jumby Bay, incastonata in un rigoglioso giardino floreale, con una terrazza vista mare. Caratterizzata da ambienti rilassanti concepiti all’insegna dello stile e della massima attenzione per i dettagli, la Spa Sense è costruita sulle rovine della piantagione di canne da zucchero dell’isola.

Due piscine, tre campi da tennis di cui due con illuminazione notturna, palestra attrezzata, campo da croquet, sci d’acqua, attrezzatura per lo snorkeling, vela, windsurf, biciclette e campo pratica per golfisti. Non mancano le opportunità di noleggiare barche a motore, fare pesca d’altura, giocare golf sull’isola, prendere lezioni di tennis con maestri professionisti, fare immersioni.

La spiaggia, la Junby bay beach, è di candida sabbia bianca,  attrezzata con lettini con cuscino, ombrelloni di paglia e amache appese tra le palme. Per coloro che amano appartarsi su lidi più isolati, poco distante si trova la Pasture bay Beach,  baia che è anche riserva naturale per le tartarughe Hawksbill. 

Il mare è ovviamente la naturale attrattiva di Antigua. Tra gli altri motivi di interesse dell’isola la base navale dell’ammiraglio Nelson a English Harbour, Fort George, Fort Shirley, Johnson’s point e Devil’s bridge, un arco naturale di roccia scolpito dalle onde marine dove, dice la leggenda, venivano a suicidarsi gli schiavi che non riuscivano più a sopportare le condizioni disamane del lavoro nelle piantagioni.

Antigua è raggiungibile direttamente dall’Italia con voli charter e voli di linea con scalo a Londra o in varie città statunitensi. British Airways, Continental, American, American Eagle, Virgin Atlantic, BWIA, Condor e Liat hanno voli regolari su Antigua.

Per maggiori info: www.jumbybayresort.com; www.antigua-barbuda.org/

Danilo Sacco

CONDIVIDI:

Articoli simili

L’ORTO a portata di mano

claudia.dimeglio

Pirati, relitti e tesori: sorprendenti Isole Vergini Britanniche

ugo

La SpA by Sisley, concentrato di benessere al Park Hyatt di Milano

anna.rubinetto
Please enter an Access Token