Viaggiare News
News tecnologia

Osservatorio ProntoHotel per il Ferragosto 2014 in Italia: prezzi più cari, ma a ben cercare…lo sconto è dietro l’angolo!

 Il ferragosto in Liguria, Campania e Sardegna, con  Portofino, Villasimius e Positano in vetta, rischia di essere un vero salasso per le tasche dei turisti che scelgono per le vacanze  queste splendide località.  Prezzi alti  anche a Cortina d’Ampezzo e Madonna di Campiglio

L’estate del 2014 riflette l’attuale congiuntura negativa e, di conseguenza, anche le preferenze  dei turisti verso le destinazioni di vacanza, molto spesso scelte fuori dai confini nazionali, per motivi anche economici. A causa della crisi dei consumi, il prezzo è divenuto una delle variabili principali di scelta ed il budget a disposizione è sempre più ristretto.

L’Osservatorio di ProntoHotel fa il punto della situazione in prossimità del picco stagionale, in particolare per ferragosto, ed evidenzia le tariffe medie applicate dagli hotel nelle principali destinazioni italiane, al mare e in montagna. Secondo il PHPI (Pronto Hotel Price Index), indicatore dei prezzi medi negli hotel, il ferragosto sarà “bollente” in alcune destinazioni della nostra penisola. Prime tra tutte Portofino che, meta dall’appeal indiscusso specie in estate, si mantiene sui 338 euro per una camera doppia per un soggiorno tra il 14 e il 17 di agosto. Prezzi alti anche a Villasimius (333 euro), Positano (309 euro), Porto Cervo (307 euro) e Amalfi (304 euro). Seguono, tra le prime 10 località Forte dei marmi (299 euro), Pula (286 euro), Ischia (266 euro),  Anacapri (263 euro) e San Vito Lo Capo (261 euro).

Per il ferragosto si possono trovare tariffe più basse, invece, optando per Agrigento (79 euro), Cagliari, (94 euro),  Amantea (111 euro), Alba Adriatica (116 euro) o Castelsardo (124 euro). Soverato e Capo Vaticano le destinazioni balneari più economiche in Calabria (rispettivamente 118 e 125 euro per una notte nei giorni clou dell’estate). Maratea, Alghero e Tropea si attestano su prezzi medi inferiori ai 134 euro.

La montagna estiva, alternativa apprezzata dai turisti, subisce i contraccolpi non solo della crisi ma anche del forte maltempo in gran parte delle regioni interessate dal turismo. Il PHPI registra i prezzi più alti a Cortina d’Ampezzo (270 euro per una notte), seguita da Madonna di Campiglio (262 euro)e da Bormio (251 euro). Decisamente più accessibili i prezzi in Abruzzo ad Ovindoli ed in Piemonte a Sauze d’Oulx (pernottamenti al di sotto dei 102 euro).

 

CONDIVIDI:

Articoli simili

Dove.it: 5 esperienze lussuose da fare in viaggio vendendo casa senza commissioni di agenzia

redazione1

In Nuova Caledonia con la formula Fly& Drive per emozionanti avventure tra i Kanaky

redazione1

In Friuli Venezia Giulia per una vacanza alternativa al mare

redazione1
Please enter an Access Token