Viaggiare News
Destinazioni Hotel News

ITALIAN HOTEL MONITOR: nel primo semestre 2013 occupazione camere stabile, a fronte di prezzi in discesa

italian hotel 

Gli alberghi italiani riescono a mantenere l’occupazione camere sopra al 60%, ma solo a fronte di grandi sforzi sul fronte dei prezzi – Tariffe in calo in tutta la Penisola (-3,0%): in controtendenza solo Torino (+2,4%) e Firenze (+1,7%) – In termini di occupazione camere (R.O.), le migliori performance rispetto al 2012 si registrano a Genova, Bologna e Firenze, tutte in crescita di 3,9 punti.

Con il positivo bilancio del mese di giugno si è chiuso il primo semestre 2013 per gli alberghi delle città italiane. L’andamento complessivo della prima parte dell’anno non è stato dei migliori per gli alberghi indipendenti, al contrario il monitoraggio delle strutture di catena vede migliorare il RevPAR del 3,5% rispetto al 2012.

Sebbene la maggior parte degli alberghi dei capoluoghi italiani continui a reggere alla crisi in termini di indice di occupazione camere (R.O.), altrettanto non si può dire sul fronte dei prezzi medi di vendita (ADR): la flessione media è del 3%, un dato che testimonia l’ulteriore contrazione dei margini operativi per le imprese alberghiere italiane.

I dati dell’Italian Hotel Monitor, osservatorio della performance degli alberghi (indipendenti e di catena) nei 45 principali capoluoghi di provincia italiani, elaborato mensilmente da Trademark Italia, evidenzia l’eccellente performance di Firenze (71,8% di R.O.), Torino (59,0%) e Como (52,5%), le uniche città in cui crescono sia l’indice di occupazione che il prezzo medio.

Tra le poche città ad ottenere una soddisfacente crescita di occupazione camere ci sono anche Genova (60,7%), Bologna (56,8%), entrambe con 3,9 punti in più rispetto al 2012, e Roma (2 punti in più e R.O. al 67,4%). Occupazione camere in leggera crescita anche a Bergamo, Bolzano, Siena, Ancona, Pescara e Catania.

I prezzi medi, invece, registrano una diminuzione in 38 delle 45 città italiane monitorate, con le significative eccezioni di Firenze, Torino e Como. In leggera crescita le tariffe anche a Bolzano, Potenza, Reggio Calabria e Messina. La città con le tariffe più elevate si conferma Venezia, con un prezzo medio nel semestre pari a 145,78 euro (-2,4% sul 2012), seguita da Milano con 127,93 euro (-4,9%).

Negli alberghi di classe Upscale (4 stelle) l’indice medio di R.O. (occupazione camere) si colloca al 62% (+0,5 punti rispetto al 2012). Il prezzo medio è in discesa da 112,58 a 109,17 euro (-3,0%). Per quanto riguarda la classe Midscale (3 stelle), l’occupazione camere scende di 1,5 punti sul 2012, i prezzi del -3,9% (da 59,90 a 57,58 euro).

 

report

 report1

CONDIVIDI:

Articoli simili

Festa per il GARDENS BY THE BAY di SINGAPORE che spegne la prima candelina

redazione1

Zagabria, la città da scoprire nell’ estate 2022

anna.rubinetto

IL NUOVO TRENO REGIONALE ALSTOM PER TRENITALIA

claudia.dimeglio

Scrivi un commento

Please enter an Access Token