Viaggiare News
Hotel

Lagodigardacamping: 5 proposte da non perdere alla scoperta del lago

Lagodigardacamping e 5 proposte da non perdere alla scoperta del Benaco. 

Il lago di Garda e il suo circondario offrono al turista varie opportunità, grazie alla posizione geografica particolarmente favorevole, che permette di raggiungere città d’arte e piccoli centri molto vivaci in poco tempo.

 Inoltre, permettono di unire le esperienze tipiche del turismo all’aria aperta a quelle più strettamente legate all’enogastronomia, alla cultura e allo shopping. 

Quali sono, quindi, le esperienze irrinunciabili per chi prenota un periodo di villeggiatura sulle sponde del Benaco?

Le risposte arrivano da cinque insider d’eccezione, membri di Lagodigardacamping, che conoscono l’area gardesana a fondo e desiderano condividerne gli aspetti più piacevoli.

Secondo Orsola Rizzardi de La Rocca Camping Village di Bardolino, la vicinanza con Verona rappresenta un vantaggio immenso per il Garda.
Abitato già durante la preistoria, il contesto cittadino fu rifondato dai Romani nel I secolo a.C. e ha conosciuto il suo apice prima durante l’età comunale, con la Signoria degli Scaligeri, e poi con la Repubblica di Venezia.
Oggi la città di Romeo e Giulietta è patrimonio dell’UNESCO e attira centinaia di migliaia di turisti da tutto il mondo grazie alla ricchezza artistica ed enogastronomica.

 Sigmar Cavazza, del Fornella Wellness and Family Resort di San Felice del Benaco, consiglia agli amanti dello shopping un passaggio al mercatino serale di Manerba, che per l’estate animerà il centro cittadino del paese con artigianato, abbigliamento, prodotti tipici, vini e musica.

Marino Martignano del Camping Spiaggia d’Oro di Lazise indica come indispensabile una visita a Lazise, paese caratteristico circondato dalle mura del suo Castello Scaligero. Il primo nucleo del maniero, difesa fondamentale contro le incursioni degli Ungari, risale al X secolo, e fu completato grazie a un privilegio concesso dall’imperatore Ottone II di Sassonia. Nel XII secolo passò sotto il dominio dei Della Scala, e nei duecento anni successivi divenne uno dei principali bastioni fortificati del veronese. Il giardino romanico che lo circonda, di pertinenza della splendida Villa Bernini, è un gioiello verde progettato nell’Ottocento secondo il gusto del tempo.

Giovanna Gregori del Bergamini Glamping Boutique di Peschiera del Garda pensa invece agli amanti della natura e li invita a visitare il Lago del Frassino, specchio d’acqua di origine glaciale incastonato tra le colline moreniche.
Nell’area protetta è possibile osservare numerose specie di volatili, tra cui le anatre tuffatrici, la moretta e il moriglione, ma il coinvolgimento è garantito anche per gli appassionati di storia: il Frassino, infatti, ospita un sito palafitticolo risalente all’Età del Bronzo, uno tra i 111 più interessanti dell’arco alpino e delle immediate vicinanze, distribuiti tra il nostro paese, la Francia, la Svizzera, l’Austria, la Germania e la Slovenia.
Suggerisce anche di non perdere una visita a Peschiera del Garda, patrimonio dell’Unesco.

Ultima ma non ultima, Margherita Facchini del Camping Village San Francesco ci invita alle Grotte di Catullo, a Sirmione.

Il nome, un po’ curioso, nasce da un vecchio equivoco storico, raccontato nella Vita di Benvenuto Cellini: la scoperta delle “grotte dell’Esquilino”, a Roma, che altro non erano che le stanze completamente interrate della Domus Aurea di Nerone.

Artisti come Filippino Lippi e Raffaello Sanzio si facevano calare con corde e torce, per ammirarne e copiarne le pitture murarie.

Solo successivamente si comprese che si trattava di una vera e propria magione, ma ormai il termine “a grottesche” era già entrato nel linguaggio comune, identificando lo stile.

Perciò a Sirmione non troviamo degli antri naturali, bensì una superba villa romana, edificata tra il I secolo a.C. e il I secolo d.C, e in parte sempre rimasto alla luce.
Il complesso archeologico ricopre ben due ettari su un piccolo promontorio della riva meridionale del Garda, e nel corso dei secoli alcuni intellettuali hanno speculato sull’identità dell’antico proprietario della villa.

Nonostante manchino prove concrete, molti ritengono che si tratti della casa del grande poeta Catullo, che questi avrebbe descritto nelle sue liriche.

 L’offerta turistica e culturale del Garda è ampia e variegata, e, dopo i due anni di difficoltà causati dalla pandemia, è pronta ad accogliere i turisti con la consueta calda ospitalità.

I camping village Lagodigardacamping sono strutture che possono garantire agevolmente la comodità di una casa in riva al lago e la vicinanza con questa varietà: la stagione è in arrivo ed è molto promettente!

Per informazioni, suggerimenti e prenotazioni: www.lagodigardacamping.com

CONDIVIDI:

Articoli simili

Le proposte di BOSCONE SUITE HOTEL a Madesimo per il mese di Giugno

claudia.dimeglio

Scoprire la Sardegna più vera in mountain bike

anna.rubinetto

Apre Nhow Rotterdam un nuovo hotel sulle rive della Mosa

redazione1

Scrivi un commento

Please enter an Access Token