Viaggiare News
Destinazioni

Las Fallas di Valencia: fallas, falò e spettacoli pirotecnici

Las Fallas di Valencia ritornano con la loro magia, dopo la sospensione dovuta alla pandemia 

 La grande festa Las Fallas di Valencia, dichiarata Patrimonio Immateriale dell’Unesco dal 2016, torna al suo calendario abituale con tutto il suo splendore e i suoi rituali tipici, tra mascletà, offerte floreali, festeggiamenti serali e castelli di fuochi d’artificio.

L’origine della festa valenciana internazionale per eccellenza

Per conoscere le origini di questa festa bisogna risalire a centinaia di anni fa, quando i falegnami della città ogni 19 marzo, in concomitanza con la celebrazione del patrono dei falegnami San Giuseppe, bruciavano davanti ai loro laboratori i pezzi di legno avanzati dalle loro lavorazioni.
Questo evento segnava la fine dell’inverno e dava il benvenuto alla primavera, concludendo la vecchia stagione e segnando l’inizio di un tempo nuovo.

La festa nel corso degli anni si è trasformata ma senza perdere la sua essenza e tutte le sue tradizioni.
Il suggestivo rituale dei falò inizia quando vengono bruciate le fallas, i monumenti che vengono presentati ogni 15 marzo nelle strade della città e della provincia di Valencia.
Alcune sono di grandi dimensioni e rappresentano scene quotidiane, satira sociale e scene comiche legate all’attualità, ma ci sono anche monumenti di dimensioni minori, realizzati per i più piccoli, che invitano a sognare e immergersi nell’universo delle fallas.
Si tratta di autentiche opere d’arte create dalla corporazione degli artisti falleros, al quale si affiancano musicisti, pirotecnici, costumisti e fiorai.
Sono tutti autentici artigiani, parte imprescindibile dell’anima della festa. 

Fallas 2022, più vive che mai

Anche le Fallas hanno subito gli effetti della pandemia. Dopo un anno senza poter essere celebrate, e un altro con un programma ridotto al minimo nel mese di settembre in cui sono stati bruciati monumenti, la grande festa di Valencia riemerge dalle sue ceneri e torna a risplendere nelle strade della città, con più slancio ed entusiasmo che mai.

Quest’anno rimangono comunque in vigore alcune misure di sicurezza legate al Covid: l’uso della mascherina è obbligatorio in tutte le attività al chiuso e negli eventi all’aperto in cui non è possibile garantire le distanze di sicurezza.
Il programma completo è disponibile qui.

Polvere da sparo, musica e tanta arte

Uno degli eventi più spettacolari delle Fallas è la ‘mascletà’, che si celebra nella Plaza del Ayuntamiento ogni giorno alle 14:00 – dal 27 febbraio al 19 marzo – coinvolgendo i partecipanti in spettacoli pirotecnici che lasciano nell’aria un odore inconfondibile.
Gli amanti delle emozioni forti non devono poi perdersi i fuochi d’artificio in programma ogni notte nel Giardino del Turia.

Con la ‘plantá’ nelle notti del 15 e 16 marzo, i monumenti arrivano nelle strade, per un totale di 800 opere d’arte distribuite in 400 luoghi della città.
Le fallas sono classificate in diverse categorie a seconda della loro complessità, dimensione e originalità. Sono tutte uniche, ma le più spettacolari si trovano nel centro storico, Ciutat Vella, e nei quartieri di Ruzafa e Gran Vía.

L’esperienza migliore è partecipare a una visita guidata o un tour fallero per conoscere i monumenti più spettacolari, ascoltando tutti i racconti sulla festa e le sue tradizioni.

Il calendario festivo continua con la consegna dei premi ai monumenti, che si svolge nei giorni del 16 e del 17 marzo, quando le commissioni falleras ritirano i premi al Comune, accompagnati dalle loro bande. Anche in questi giorni, la musica e i colori riempiono le strade di Valencia.

E si arriva così all’atto più emozionante che si svolge ogni 17 e 18 marzo: la Ofrenda de Flores è l’offerta floreale alla Virgen de los Desamparados, la patrona di Valencia.

Per l’occasione i falleros si vestono con i loro abiti migliori e i costumi tradizionali e percorrono le strade di Valencia portando mazzi di fiori accompagnati dalla musica delle bande locali.

Il percorso termina in Plaza de la Virgen, dove viene allestita una grande immagine della Patrona per riempire il suo mantello di fiori.

La Cremà, la fine e l’inizio della festa

Con la ‘Cremà’ arriva l’atto finale delle fallas, in programma il 19 marzo. Si tratta di un evento speciale in cui i monumenti soccombono alle fiamme dei roghi.
Lo spettacolo comincia a partire dalle 20:00 quando vengono bruciate le fallas più piccole e prosegue alle 23:00 con quelle più grandi.
A bruciare per ultime sono le vincitrici dei primi premi di entrambe le categorie e quelle esposte in Plaza del Ayuntamiento.
Con la ‘Cremà’, le fiamme accompagnate dai fuochi d’artificio si portano via i resti delle Fallas di quest’anno e danno inizio a quelle del 2023, con un rito di rinnovamento davvero magico. Uno spettacolo che merita di essere visto almeno una volta nella vita.

Tutte le informazioni su Las Fallas sono disponibili sul sito visitvalencia.com 

CONDIVIDI:

Articoli simili

Tour della Liguria su due ruote

redazione1

Il Borghista incentiva il turismo nei borghi

anna.rubinetto

Memphis, Tennessee: visita a Graceland la Dimora di Elvis

claudia.dimeglio

Scrivi un commento

Please enter an Access Token