Benessere Evidenza

Bonus terme, al via le prenotazioni in Emilia Romagna

 

Prospettive di ripresa per il comparto termale con le prenotazioni effettuate con il bonus terme.
Ottimo risultato in Emilia Romagna

Tutela della salute dei cittadini e prospettive di ripresa per il comparto termale. Una buona notizia che ha già fatto registrare un ottimo risultato in Emilia Romagna, grazie alle prenotazioni rese possibili con il bonus terme.

Bonus terme, partite le prenotazioni

La piattaforma di Invitalia è pronta ad accogliere le innumerevoli domande atte a prenotare il bonus terme sin dall’8 novembre. È già possibile telefonare presso le 24 terme dell’Emilia Romagna usufruendo del bonus pari a 200 Euro (importo massimo). In questo modo, saranno le terme a effettuare direttamente la richiesta del bonus attraverso la piattaforma.

A tal proposito, Massimo Caputi e Lino Gilioli (rispettivamente Presidente di Federterme e Presidente del Coter) sono lieti di annunciare che le terme dell’Emilia Romagna sono pronte ad accogliere tutti i cittadini maggiorenni che vogliono prendersi cura della propria salute e del proprio benessere.

Ambedue si dicono entusiasti di questa grande possibilità legata anche al fatto di poter usufruire del bonus terme che permette di accedere anche a trattamenti terapeutici di prevenzione e di benessere.

È importante ricordare che i trattamenti termali contribuiscono a prevenire disturbi reumatici, ginecologici, dermatologici, vascolari e della respirazione; inoltre, hanno una funzione antinfiammatoria e rivitalizzano i tessuti.

La ripartenza

Il bonus terme rappresenta una speranza, una sorta di prospettiva per il rilancio del comparto termale attanagliato dalla crisi pandemica dell’ultimo periodo. Infatti, sia Caputi che Gilioli tendono a sottolineare quanto sia importante questa risorsa che permette di riscoprire il vero senso del termalismo grazie a questo sconto riservato ai clienti che accederanno al trattamento termale prescelto.
Ricordiamo che lo sconto, al massimo, potrà essere pari a 200 Euro e che non ci sono limiti di Isee.

Tutto questo contribuirà a far divenire, il sistema termale italiano, un polo di sostegno al turismo del benessere. Mentre, oltre al bonus per i clienti, le novità per le terme riguardano anche gli investimenti nella riqualificazione strutturale, indispensabili e importantissimi in questo contesto.

Intanto, si pensa già al fatturato che registra un andamento positivo. Con il bonus terme c’è stato una sorta di rilancio che, in Emilia Romagna, ha fatto registrare una crescita del 30%, decisiva rispetto a quella dello scorso anno. Una ripresa a macchia di leopardo, a seconda dei comparti e delle località e, nonostante la ripresa non sia in realtà quella che tutti si auspicano, intanto ci si accontenta di questa buona partenza. 

Le cure

La riabilitazione assume un ruolo fondamentale, per questo si parla di differenziazione nelle tipologie delle cure termali.
In particolar modo, si riparte con quella motoria, mentre soffrono quelle inalatorie, nonostante questo possa sembrare un paradosso.
Infatti, è proprio l’apparato respiratorio che necessita di cure preventive e di attenzione, tenere un buona manutenzione le alte e basse vie respiratorie, in modo tale da poter prevenire e rafforzare le difese immunitarie.
Fattori importanti, soprattutto per chi deve recuperare le funzionalità respiratorie e motorie dopo il Covid.

Infine, pare che l’attesa e la richiesta dei cittadini per i servizi termali sia davvero molto elevata. A comprova di quanto vi stiamo dicendo vi è un numero elevato di prenotazioni presso le strutture termali e, tutto questo, potrebbe riservare enormi sorprese con un recupero che potrebbe attestarsi attorno al 40%.

Per informazioni contattare COTER srl, Consorzio del Circuito Termale dell’Emilia Romagna. Numero verde 800.88.88.50

Articoli simili

All’Aquapetra Resort&Spa di Telese Terme si respirano i profumi della natura

anna.rubinetto

L’universo bio del Castelir Suite Hotel di Panchià (TN), dove il bagno si fa anche sotto le stelle

claudia.dimeglio

”THE HOMO SAPIENS” A Parma la fotografia come progetto antropologico, testimonianza di vita e cultura.

redazione1

Scrivi un commento