Viaggiare News
Benessere Destinazioni Slide2

Le Terme dell’Emilia Romagna presentano la nuova Guida 2021-2022

Le Terme dell'Emilia Romagna, presentano la nuova Guida 2021-2022Insieme per proteggere la tua salute’ recita lo slogan delle Terme dell’Emilia Romagna, nella nuova Guida 2021-2022 in cui sono presenti ben 24 centri termali.

E’ finalmente disponibile la nuova Guida delle Terme dell’Emilia Romagna per l’anno 2021-2022, in cui poter trovare tutte le offerte proposte dalle 24 strutture termali della regione. La Guida è realizzata dal Consorzio del Circuito Termale, con la collaborazione di ATP e i territori termali dell’Emilia.

Essendo strutture autorizzate e accreditate dal Ministero della Salute, tutti i cittadini hanno il diritto di effettuare ogni anno, un ciclo di cure termali. Questo ciclo è a carico del Servizio Sanitario Nazionale, e ognuno può scegliere liberamente il centro termale più indicato.

Le Terme hanno sempre garantito i propri trattamenti anche durante il periodo pandemico, rimanendo in piena osservanza dei protocolli di sicurezza. 

Le Terme dell'Emilia Romagna, presentano la nuova Guida 2021-2022

L’importanza della Cura Termale: il piacere del relax, unito alla cura per sé stessi

Le cure termali promuovono la salute, contribuiscono al rafforzamento del sistema immunitario, proteggono l’apparato respiratorio, migliorano la circolazione e sono efficaci contro le patologie dell’apparato motorio e locomotore come artrosi e reumatismi.

Le Terme dell’Emilia Romagna sono specializzate in Presidi di Medicina Fisica e Riabilitativa, dove un’equipe di fisioterapisti della riabilitazione, lavorano in sinergia. Lo scopo dell’equipe medica, è quella di restituire alla persona, la sua massima capacità fisica, mentale, sociale e lavorativa. I Trattamenti sono diversi, e ognuno ha un obbiettivo particolare.
Per esempio, c’è l’idrokinesiterapia in acqua termale, che favorisce la rieducazione muscolare, permettendo il movimento in assenza di peso e con sforzo controllato.

Oppure, c’è la Riabilitazione Respiratoria, che si occupa del recuperodella capacità e dell’ampiezza respiratoriaad esempio persa a seguito di enfisema polmonare, o per danni da Coronavirus.
In questo caso, vengono usate tecniche riabilitative specifiche, capaci di combattere le infiammazioni bronchiolo-alveolari, migliorando lo stato delle mucose.

Le Terme dell'Emilia Romagna, presentano la nuova Guida 2021-2022

Le Acque Termali non sono tutte uguali, ed ognuna ha la propria funzione riabilitativa

Ogni tipologia di acqua minerale, in virtù degli elementi che possiede, presenta attività terapeutiche che la caratterizzano e la differenziano dalle altre.
Per curare l’
apparato respiratorio, per esempio, vengono effettuati cure inalatorie e ventilazioni polmonari.
Oppure per l’
apparato locomotore sono usati i fanghi ed i bagni, con trattamenti di riabilitazioni e kinesiterapia.
Per quanto riguarda il 
sistema vascolare periferico invece, sono indicati idromassaggi e percorsi vascolari.
L‘apparato gastroenterico è curato tramite l’assunzione di bibite, e con docce intestinali; mentre l’apparato ginecologico è alleviato da irrigazioni vaginali con bagno dedicato.

Le Acque Sulfuree delle Terme dell’Emilia Romagna poi, sono preziose soprattutto nel campo inalatorio, dermatologico e dell’apparato digerente. Infatti la presenza di zolfo sotto forma di solfuri e di idrogeno solforato agisce sulle mucose provocando vasodilatazione. 

Le Acque Salsobroimoiodiche invece, sono acque ad elevato contenuto salino, quasi prive di calcio e perciò assai meglio tollerate dalle mucose. Sono acque note per l’azione antinfiammatoria, decongestionante e stimolante

Le località sono 19, e spaziano tra collina, mare e città d’arte, partendo da Salsomaggiore, fino a Riccione.

Per conoscere la Guida, e tutti i centri, convenzionati e non, visitate il sito www.termemiliaromagna.it

CONDIVIDI:

Articoli simili

Le foto per raccontare la magia della corsa con le ciaspole in Valle Ossola

redazione1

In vacanza tra i masi gallo rosso per assistere alla “nascita” del formaggio

claudia.dimeglio

Luberon: turismo dolce, tra arte e natura

anna.rubinetto

Scrivi un commento

Please enter an Access Token