Destinazioni Slide3

Sostenibilità, la parola chiave per viaggi green

E’ la sostenibilità il fil rouge che accomuna i luoghi dove ci si prende cura dell’ambiente.

Ecco, allora, alcune proposte per tour in ogni angolo del mondo, per riprendere a viaggiare  in tutta sicurezza.  Si potranno, così, apprezzare le innovative iniziative messe in atto da stati e paesi per un maggiore rispetto della natura! Sostenibilità

ARIA FRESCA PER CITTÀ CALDE. – Gli estati in città sono sempre più caldi. Per rimediare, il Collettivo austriaco Breathe Earth crea installazioni che suonano “isole urbane” di fresco e verde, ma la vegetazione ha un insostituibile effetto di governo. La più recente, il “Padiglione di cultura climatica”, sarà realizzata nel centro di Graz, la seconda città più grande dell’Austria. 100 mq per rinfrescarsi, tanto altro per discutere e plasmare la cultura del clima con esperti di architettura, alimentazione e mobilità. 29 aprile – 15 agosto 2021. Web: www.austria.info

Tourisme
Chalet Robinson
© Olivier van de Kerchove

BRUXELLES, LA CITTÀ VERDE  Con 28 m² di verde pro capite, Bruxelles è tra le Capitali più sostenibili d’Europa: dagli anni ‘90 sono stati realizzati sentieri e piste ciclabili immersi nella natura, come la Promenade Verte, lunga più di 60 km. Ai confini della città si estende la Forêt de Soignes di 43 km², Patrimonio UNESCO, ma anche in pieno centro si trovano chalet e bucoliche fattorie.
A due passi dal Parlamento si può visitare la Casa delle Energie Rinnovabili, emblema di architettura sostenibile: ricavata in 3 edifici del 1860, ospita enti e associazioni di categoria. Web: visit.brussels/it

DANIMARCA GREEN Copenaghen e tutta la Danimarca vantano una lunga tradizione di ricerca di soluzioni ecologiche per vivere in armonia con il pianeta, valorizzando le soluzioni più eco-compatibili. La città punta a diventare la prima capitale a emissioni zero entro il 2025 e la sua attenzione al tema dello sviluppo sostenibile si riflette in ogni aspetto della società. In qualsiasi periodo dell’anno, a Copenaghen si può sciare sul tetto di una centrale di energia rinnovabile, pedalare sul ponte ciclabile Bicycle Snake e fare un tuffo nelle acque del porto! Web:www.visitdenmark.com

SLOVENIA, UNO DEI PAESI PIÙ RISPETTOSI DELL’AMBIENTE AL MONDO: Il “Good Country Index” la colloca al 7° posto in termini di contributo positivo al Pianeta e al clima. Vaste foreste, parchi protetti, abbondanti risorse idriche di ottima qualità: gli sloveni sono davvero orgogliosi di questo patrimonio naturale e si impegnano attivamente a preservarlo.
L’attenzione alla sostenibilità si riflette anche nella ricchezza e qualità dei sapori: per questo la Slovenia è Regione Europea della Gastronomia 2021. Affinché anche il turismo sia sostenibile, però, è necessario che i viaggiatori facciano la loro parte. Web: www.slovenia.info/it

SPAGNA, GODERSI LA NATURA ATTRAVERSO ITINERARI 100% RESPONSABILIRispettare la destinazione e viaggiare in modo consapevole sono alcune delle caratteristiche del turismo sostenibile. La Spagna vanta numerosi spazi naturali protetti e noti per le loro proposte di turismo sostenibile, non per altro è il Paese con il maggior numero di riserve della biosfera al mondo. È possibile godersi la natura in Spagna con attività ed itinerari nel pieno rispetto dell’ambiente.
Continua a leggere per scoprire alcune proposte:Web:
www.spain.info/it

ANVERSA: UNO SGUARDO AL PROGETTO PAKT, TRA INNOVAZIONE E SOSTENIBILITÀIl Groen Kwartier (quartiere verde) di Anversa è l’ultimo hotspot di Zurenborg, zona a sud-est della città già nota per le architetture Art Nuveau. Qui nel 2006 ha preso vita il lungimirante progetto Pakt: hub sorto in un ex sito industriale per dare spazio a giovani idee imprenditoriali in ambiti disparati, dalla ristorazione allo sport.
Tra queste il progetto dei roof farmer che offre a chiunque la possibilità di coltivare prodotti locali su un tetto condiviso, sotto la supervisione di esperti agricoltori.
Qui hanno la loro piccola coltivazione diversi ristoratori del quartiere, tra cui lo stellato The Jane.Web: www.visitantwerpen.be

TURISMO SLOW IN BORGOGNA, VIAGGIO NEI VIGNETI FINO A DIGIONE: Dopo aver attraversato i più bei villaggi vinicoli della zona di  Beaune, il viaggio nei vigneti della Borgogna approda  fino alla città di Digione.
Un’occasione per pedalare nel cuore dei Grandi Crus e per scoprire la Capitale dei Duchi di Borgogna. Da Beaune, ci sono oggi 60 km di piccole strade che si snodano attraverso vigneti e splendidi villaggi vinicoli, luoghi unici per percorsi in bicicletta nel verde. Web:www.atout-france.fr

GERMANIA RIPARTIAMO DALLA CAPITALE DELLE NUOVE TENDENZE… ANCHE DI QUELLE “GREEN”!
Berlino è la capitale delle nuove tendenze, anche in tema di sostenibilità: qui, i primi negozi biologici risalgono al ‘78. Da allora, nella città si è sviluppata un’offerta “verde” molto variegata che spazia dai ristoranti, agli alloggi, agli eventi alternativi, fino alle oasi cittadine, mai molto distanti, dato che le aree verdi coprono un terzo della superficie della città. Quando si tornerà a viaggiare, andate a curiosare nelle offerte per un viaggio creativo e sostenibile, alla scoperta dell’eco-lifestyle Berlinese, dalle start-up, ai prodotti artigianali, fino ai nuovi quartieri in trasformazione! Web:www.germany.travel/it

 

ISOLE GRECHE GREEN: Agios Efstratios circa 200 abitanti, produce l’85% di energia da turbine eoliche e fotovoltaico, una delle poche isole del Mediterraneo autonome dal punto di vista energetico. 
Tilos prima isola verde del Mediterraneo dotata di autonomia energetica da fonti rinnovabili (FER). Progetto avviato nel 2015 ha trasformato la piccola isola del Dodecaneso in un esempio da imitare, produce la maggior parte del fabbisogno energetico dell’isola.
Astypalea ci mostra che un mondo con zero emissioni di carbonio è possibile. In collaborazione con Volkswagen si trasforma in un’isola energeticamente pulita. Web:www.visitgreece-gr.

THE BURREN E LE GREEN STARS: SOSTENIBILITÀ IRLANDESE BELLA E BUONAIn Irlanda la sostenibilità turistica oltre che concreta è bellissima. Un ottimo esempio è il Burren EcoTourism Network che riunisce 70 realtà locali e che è stato inserito nei Best in Travel 2021 di Lonely Planet. L’area di riferimento è appunto il Burren, vasto tavolato calcareo unico al mondo, e delle Cliffs of Moher: si può dormire in strutture a zero emissioni di CO2 o fare foraging di alghe. Tra le chicche del 2021 anche i 3 ristoranti Green Stars Michelin.  Web: www.irlanda.com

MALTA SOSTENIBILETra gli obiettivi di sostenibilità posti da Malta spiccano quelli legati al turismo, fondamentale fonte di un’economia in pieno sviluppo. Particolare riguardo è dato al territorio ed alle comunità locali resi protagonisti dalle esperienze a cui oggi più che mai è possibile partecipare: battute di pesca, raccolta di prodotti agricoli, itinerari a piedi alla scoperta delle erbe officinali spontanee, conversando con i piccoli produttori, le associazioni e gli esperti allo scopo di condividere e preservare la cultura e le usanze peculiari delle isole. Webwww.visitmalta.com/it/

VIAGGIARE GREEN IN NORVEGIAIl modo migliore per scoprire ogni angolo della Norvegia è farlo con i trasporti pubblici, e tra questi il treno è la scelta più ecologica. Ma non solo – le tratte come la Ferrovia di Bergen, la Ferrovia di Rauma, la Ferrovia del Nordland e quella di Ofoten sono tra le linee ferroviarie più spettacolari al mondo! Puoi raggiungere facilmente le località sui fiordi, in montagna o nelle valli anche in pullman o in barca.
Se hai voglia di partire per un road trip epico perché non farlo con un’auto elettrica (o perfino con una e-bike), sia con la tua che con una a noleggio. Ci sono più di 10.000 punti di ricarica in tutta la Norvegia e il numero è sempre in aumento. Web:www.visitnorway.it

EXPO 2020 DUBAI – RIFLETTORI PUNTATI ANCHE SULLA SOSTENIBILITÀ: Dal 1° ottobre 2021 al 31 marzo 2022, tutto il mondo scoprirà la grandezza di Dubai al suo meglio.
Ogni Esposizione Universale ha un tema orientato alla ricerca di soluzioni per un futuro migliore. Il tema generale di Expo 2020 è “Connettere le menti, creare il futuro”, con tre sottotemi per ispirare soluzioni alle maggiori opportunità e sfide del mondo.
Uno di essi è proprio la Sostenibilità per comprendere il nostro impatto sull’ambiente e come diventare veri motori di cambiamento.Web:www.visitdubai.com/it

IN GIAPPONE, KAMIKATSU È LOCALITÀ ZERO WASTE– Amena località nella prefettura di Tokushima, Kamikatsu è una piccola, ridente cittadina, incastonata in una cornice rurale da fiaba, che si è fatta notare nel mondo per il suo commitment allo zero-waste. La filosofia zero-waste ha portato al sorgere di alcune interessanti realtà, come Rise & Win, il birrificio che aromatizza la birra con bucce riciclate degli yuzu, l’hotel Why e il Polestar Café, fondati entrambi sull’economia circolare zero waste.
Maggiori informazioni:Web: www.japan.travel/en

UN ESEMPIO DI SOSTENIBILITÀ NEL DESERTO: Kibbutz KETURA In Israele lo sviluppo sostenibile è vitale per garantire il benessere delle generazioni future! Basta ricordare un dato fondamentale: Israele è il primo Paese al mondo per il riciclo delle acque reflue. Il luogo dove l’attenzione forse più grande viene riservata alla sostenibilità, è il deserto. Anche il deserto ha la sua eccellenza nella sostenibilità: si tratta del Kibbutz KETURA. A 50km da Eilat, ha installato il primo impianto fotovoltaico di Israele. Ospita e promuove attivamente uno stile di vita fondato su un riciclo efficiente dei rifiuti e sull’utilizzo consapevole dell’acqua). Ketura è anche la sede della ong AIES (Arava Institute for Environmental Studies), un centro di ricerca e finalizzato a proteggerei delicati ecosistemi del Negev e del Mar Morto, promuovendo pratiche di agricoltura sostenibile. Tutto questo è a disposizione per quanti vorranno soggiornare nell’accogliente guest house del kibbutz.Web:https://it.citiesbreak.com

REPUBBLICA DOMINICANA, PARADISO DELL’ECOTURISMOSospesa tra Mar dei Caraibi e Oceano Atlantico, la Repubblica Dominicana è un paradiso dell’ecoturismo. Ecco 3 tappe da non perdere: Il selvaggio Sud ovest tra Pedernales e Barahona è ricco di isole coralline, riserve della biosfera e lagune popolate da aironi e fenicotteri.
Seconda tappa è Puerto Plata, a nord, un’altra provincia ricca di attrazioni naturali, cascate, percorsi in montagna fino alle spiagge dorate. E a nord est c’è la penisola di Samanà con un patrimonio naturale unico dove tra gennaio e marzo si possono avvistare le balene. Web: www.godominicanrepublic.com/it

SEYCHELLES, PARADISO ECOSOSTENIBILE– Le Seychelles sono conosciute come paradiso ecosostenibile, la vacanza imperdibile per gli appassionati di natura. Sono uno dei 25 Biodiversity Hotspots di tutto il mondo: il 43% del loro territorio è Riserva Naturale o Parco Nazionale, grazie ad una flora e fauna uniche (circa 1000 specie endemiche, tra cui le tartarughe giganti di Aldabra), una grande varietà di ambienti naturali e foreste incontaminate, 2 siti UNESCO e una vasta scelta di attività ecoturistiche (bird watching, immersioni e snorkeling, trekking e cicloturismo). Uno degli esempi di maggior successo a livello mondiale nella conservazione di un ecosistema fragile e unico e di politiche di sviluppo ecosostenibili. Web:www.seychelles.travel/it/

SINGAPORE, CITY IN A GARDEN: Definita City in a Garden, Singapore ospita numerose aree verdi che fanno da contorno alla parte moderna della città. Gardens by the Bay, dove la natura si fonde con innovazione e sostenibilità, ospita gli iconici Supertrees: 18 strutture alte fino a 50 metri unite da una passerella a 22 metri che permette di ammirare gli alberi da una prospettiva unica.
La sera uno spettacolo di luci e suoni anima i Supertrees: lo show è sostenibile in quanto alimentato dall’energia prodotta dai pannelli solari che si trovano in cima agli alberi. Web:www.csc.gov.sg

SOSTENIBILITÀ E ECOTURISMO IN THAILANDIA: Affermata come una delle più gratificanti destinazioni al mondo per l’ecoturismo, la Thailandia deve la sua popolarità alla straordinaria varietà delle sue attrazioni naturali. E’ nei suoi parchi che il turismo “fa bene” all’ambiente, sostenendo le comunità locali, preservando tradizioni antiche nel rispetto della biodiversità e trasformandosi da minaccia in occasione di crescita e miglioramento strutturale.
Gli oltre 100 tra parchi naturali ed aree protette costituiscono il 17% della superficie del Paese e si trovano in tutte le regioni.
Per ulteriori informazioni: Web: www.turismothailandese.it

Articoli simili

Volare in Australia con Singapore Airlines risparmiando

redazione1

CINA OVEST: IL SICHUAN, LA VIA DEL TE, DEI MONASTERI E DEI CAVALLI

anna.rubinetto

Qatar: 10 curiosità in attesa di poter tornare a vivere le bellezze del Paese

anna.rubinetto

Scrivi un commento

Please enter an Access Token