Destinazioni Slide3

Cosa vedere ad Ischia, tutte le destinazioni imperdibili

IschiaUna delle mete più ambite dai turisti di tutto il mondo

L’isola di Ischia fa sicuramente parte di quella ristretta cerchia di mete amate da turisti di tutto il mondo, e capaci di attirare presso di se anche personaggi famosi facenti parte del mondo dello spettacolo e dello sport.
Attenzione però, non ci stiamo riferendo solo ad una movida irrefrenabile, ma a vere e proprie destinazioni che racchiudono rarità paesaggistiche, naturali o storiche.
Come avremo modo di scoprire tra poco, Ischia è letteralmente piena di bellezze che aspettano soltanto di essere scoperte, indipendentemente dal fatto che si tratti di una vacanza di coppia, tra amici di vecchia data o in famiglia.
Altresì sono davvero tanti i portali online che ci permettono di riservare anticipatamente una o più stanze d’hotel per tutta la permanenza del nostro viaggio, il migliore è sicuramente https://www.hotel-ischia.it , con anni ed anni di attività ed esperienza alle spalle.
Basteranno quindi pochi click per individuare un’offerta, scoprirne tutti i dettagli e prenotarla subito.
Chiarito ciò, non perdiamo altro tempo prezioso ed andiamo a scoprire cosa vedere ad Ischia, tutte le destinazioni imperdibili!

Il Castello Aragonese ed il Borgo di Sant’Angelo

Al primo posto tra le destinazioni imperdibili ad Ischia, troviamo i Castello Aragonese. Molto spesso quando visitiamo un’isola tendiamo a focalizzarci solo sulla bellezza paesaggistica, mettendo al centro dell’attenzione la sua flora e la sua fauna.
Tuttavia non dobbiamo dimenticarci che anche le isole hanno una storia dietro, ed Ischia ne è la migliore dimostrazione.
 Il Castello Aragonese è un edificio di costruzione greca, utilizzato in passato per difendere al meglio il territorio ed ospitare i nobili, fornendo loro un’area sicura all’interno della quale svolgere la propria vita quotidiana.
 Il Castello Aragonese è aperto tutto l’anno, visitabile da adulti e bambini sia d’estate che d’inverno.
Noi consigliamo caldamente il tour estivo, che darà modo di poter ammirare la colossale costruzione anche di notte, quando sembra avvolgere dentro di se tutta l’isola.
Distaccandoci dal Castello Aragonese, subito dopo troviamo il Borgo di Sant’Angelo, la zona più colorata dell’isola, grazie a decine e decine di casette multicolore.
 Il centro del Borgo è totalmente chiuso a macchine e mezzi a motori, ragione per cui può essere esplorato con la massima tranquillità anche accompagnati da minori.
Lo spazio libero a disposizione è stato pienamente sfruttato dagli esercizi commerciali, che contribuiscono a mantenere vivo il Borgo.
Negozi di souvenir, bar, ristoranti e spettacoli improvvisati all’aperto, renderanno il giro nel Borgo di Sant’Angelo un divertimento indimenticabile.

I giardini termali e la Chiesa del Soccorso

Ci avviciniamo alla conclusione di questa guida alla scoperta di Ischia, proponendovi le ultime due tappe che non potete permettervi di saltare: i giardini termali e la Chiesa del Soccorso. 
Partendo subito dai giardini termali, neanche un libro dedicato di duecento pagine potrebbe descrivere le emozioni che questo luogo è in grado di suscitare in un essere umano.
Ci ritroveremo infatti completamente immersi nella natura incontaminata, dove un tempo gli antichi romani passano ore ed ore a conversare e discutere.

 L’acqua dei giardini termali è considerata un toccasana per la pelle e la circolazione del sangue, tant’è che moltissimi turisti sopraggiungono sul luogo proprio per poter fare il bagno.

I giardini termali come Poseidon, Negombo, Aphrodite e Appolon, offrono esperienze diverse tra loro, non solo parlando della visione paesaggistica, ma anche della temperatura dell’acqua o l’accesso al mare tramite una spiaggia privata.
Sta a voi scegliere il migliore in base alle vostre esigenze, anche se potete ovviamente optare per il tour completo!
Trascorrere una giornata all’interno di questi giardini, si rivelerà essere un’esperienza rigenerante sotto tutti i punti di vista, e sicuramente una volta andati via non vedrete l’ora di poter fare ritorno. Infine, all’ultimo posto ma sicuramente non per importanza, troviamo la Chiesa del Soccorso, una costruzione completamente bianca che probabilmente vi avrà incuriositi fin dal primo giorno sull’isola.
Dovete sapere che la Chiesa del Soccorso nasconde dietro di se una storia davvero particolare, secondo la quale il crocifisso che ora si trova all’interno, sia in realtà balzato fuori dalle onde del mare.

Fu un gruppo di marinai a scorgerlo in mare aperto durante una terribile tempesta, e con l’intenzione di proteggerlo decisero di inserirlo nella Chiesa del Soccorso.
Una volta passata la tempesta non è stato più possibile togliere il crocifisso dalla sua posizione. Una leggenda davvero curiosa, che non sappiamo quanto possa essere fondata o meno.
Ciò però di cui siamo sicuri, è l’importanza della chiesa per tutti gli abitanti dell’Isola, che la considerano come loro protettrice.
Può essere liberamente visitata sia in estate che inverno, e data la sua particolare collocazione geografica, saprà rivelarsi un ottimo obbiettivo per i più amanti della fotografia. 

Articoli simili

Un’offerta incredibile: a Pasqua scopri Belgrado con proposte a partire da 1 euro

redazione1

I posti migliori per osservare le balene in South Australia

anna.rubinetto

El Hierro, gioiello delle Canarie per tutti i gusti

ugo

Scrivi un commento