Viva Las Vegas: Le attrazioni e i luoghi da non perdere

Oggi Las Vegas è uno dei poli principali del turismo non solo dello stato del Nevada, di cui è la città più popolosa, ma di tutti gli States. Soprattutto, rappresenta la Mecca mondiale del gioco, con i suoi celeberrimi casinò, ma non mancano tante altre attrazioni meno conosciute e capaci di lasciare a bocca aperta ogni visitatore. Eppure, la storia della città, con i suoi 650mila abitanti (che diventano due milioni considerando l’intera area metropolitana), ha solo poco più di un secolo.

Dopo un primo tentativo d’insediare un nucleo abitativo, a metà Ottocento, per mano di un pugno di missionari mormoni, solo nel 1905 venne realizzato un primo villaggio ferroviario. La nascita ufficiale della città è invece datata 16 marzo 1911, quando fu eletto il primo sindaco, Peter Buol. Il nome “Las Vegas” fu scelto riprendendo la locuzione con cui gli stessi nativi indicavano l’intera area, un termine che in spagnolo significa “I prati”, vista la presenza in zona di alcuni pozzi che, nonostante il clima desertico, consentivano la vita a fiori, erba e altre piante.

La mitica Strip
La metropoli che conosciamo tutti, con i suoi casinò e luoghi di divertimento, è ancora più recente: risale infatti al 1946 la nascita del primo luogo autorizzato per il gioco, il celeberrimo Flamingo. Ancora oggi, l’enorme area metropolitana è divisa a metà dalla Strip, la via principale dove sono concentrati gran parte degli hotel e delle attrazioni, una strada che ha fatto da scenario a centinaia di personaggi stravaganti e leggende legate al gioco e alla bella vita americana. Con i suoi sei chilometri di lunghezza rappresenta il cuore della città e, oltre ai principali alberghi e casinò, è il luogo ideale per tutti gli amanti dello shopping.

Qui si trovano le principali catene commerciali, sia di food che di abbigliamento: da Coca Cola all’Hard Rock Cafè, passando per il mercato Gran Bazaar Shops e le oltre 250 boutique del Fashion Show. Il tutto circondato da decine di artisti di strada: musicisti e teatranti, oltre a una delle caratteristiche tipiche di Las Vegas: attori e attrici che si travestono come i più importanti personaggi di Hollywood per la gioia dei turisti e dei cacciatori di selfie.

Sulla Strip si trovano poi le Bellagio Fountains, di fronte all’omonimo resort, con una serie di spettacoli mozzafiato e giochi. Milioni di litri d’acqua vengono sparati fino a 76 metri d’altezza, in un tripudio di musica e colori che durano anche di notte. Sempre per gli amanti dell’acqua, da non perdere il Silverton Aquarium, dove si possono vedere gli squali all’ora del pasto e ammirare delle sirene in carne e ossa con i loro spettacolari balli sott’acqua.

A pochi passi dalla Strip c’è poi Fremont Street, la via centrale della vecchia Las Vegas d’inizio Novecento. Oggi Fremont Street è uno spettacolo a cielo aperto con svariati milioni di lampade e luci neon tutte alimentate da energia rinnovabile (Las Vegas è una della città più green degli Usa) che alternano scritte, disegni con colori sgargianti. Nella strada si trovano numerosi luoghi legati all’arte e al divertimento, a partire dal Fremont Street Experience, con decine di attrazioni diverse, come il celebre Cowboy Vic, la mantide sputafuoco e l’eccentrico fast food Heart Attack Grill.

Cosa vedere nei dintorni
Se la vita frenetica, piena di luci e colori, della città di Las Vegas dovesse farvi venire la voglia di qualche ora di tranquillità, a pochi chilometri dai casinò, dai teatri e dagli eventi sportivi di alto livello, in particolare la boxe e il poker, non mancano le occasioni giuste. A mezz’ora da Las Vegas c’è il Red Rock Canyon, caratterizzato da un acceso color rosso, dove si possono realizzare emozionanti escursioni in auto, a piedi o a cavallo, per un tuffo nel vecchio West.

A un’ora e mezza di auto, invece, c’è una vera e propria chicca per i fan degli Ufo: a 150miglia dalle Strip, percorrendo l’Extraterrestrial Highway, si trova la misteriosa Area 51: una base militare segreta sotterranea, realizzata sul fondo prosciugato del Groom Lake di Rachel. Una base inaccessibile, destinata a esperimenti top secret, e al centro di tante storie e teorie sulla presenza dei resti dell’incidente alieno di Roswell. Una tappa ideale per aggiungere un po’ di mistero a un viaggio all’insegna della spensieratezza.

By | 2020-06-30T08:44:25+00:00 giugno 2020|Destinazioni, Slide1|