Il Museo della Zecca ad Hall in Tirolo

Trovandosi nella città di Hall in Tirolo (Austria) imperdibile è una visita al Museo della Zecca e al simbolo della città, la Torre delle Monete. Salendo le scale che portano in cima alla torre, ad un’altezza di circa 30 metri, si può godere di una vista mozzafiato su tutta la città sottostante, sull’Inn e sulla cornice delle Alpi. Nel Museo delle Monete, che ospita l’unico esemplare al mondo di antica macchina coniatrice, ognuno può coniarsi da solo la propria moneta ricordo.

Il museo della Zecca, la culla del tallero e dell’odierno dollaro, traccia di un passato in cui la ricchezza era la moneta contante, il denaro aveva ancora un alone di magia e la valuta era pesante come il materiale in cui era coniata. Il pezzo forte del museo Münze Hall è la ricostruzione fedele all’originale della prima pressa per il conio al mondo. Nel Medioevo questo colosso era considerato tecnicamente una sensazione. Ora, al posto dell’antico colosso che nel XVI secolo produceva 4.000 monete al giorno, si può ammirare la sua ricostruzione, un pezzo unico a livello internazionale.
Apice suggestivo della visita sono i 186 gradini fino all’ultimo livello della Torre della Zecca, da qui si offre al visitatore una vista indimenticabile sulla città medievale di Hall con l’imponente Massiccio del Karwendel sullo sfondo.
Il guardiano della zecca Franz vi conduce attraverso mezzo millennio di storia della zecca europea per mezzo di moderne audioguide. Per i visitatori più giovani è a disposizione una visita guidata per bambini con quiz. Infine, dulcis in fundo, i visitatori possono coniare direttamente la loro moneta personale come ricordo della culla del tallero e del dollaro. 

La fortezza Burg Hasegg 

La fortezza “Burg Hasegg” fu costruita poco dopo l’acquisizione dei diritti civici per proteggere la città, i giacimenti di sale e la navigazione sull’Inn e per controllare l’antica via del sale. Sotto il duca Sigismondo e l’imperatore Massimiliano I fu ampliata diventando un castello di rappresentanza. Menzionato per la prima volta in documenti risalenti al XIII secolo, questo castello fu costruito per proteggere la salina, la navigazione fluviale, il ponte sul fiume Inn e per controllare l’antica via del sale.
Il nome deriva dagli antichi caseggiati nei quali l’acqua salata evaporando diventava sale e presso i quali, situato “nell’angolo” adiacente (in tedesco antico appunto “Egg”) si trovava per l’appunto il Castello. Nel XV secolo fu ampliato e riadattato a residenza del Principe. Nel 1567 l’Arciduca Ferdinando II fece spostare qui la sede della Zecca. Risalgono a quell’epoca la famosa Cappella di San Giorgio e le sale di rappresentanza, che non sono aperte al pubblico per visite, ma che possono venire utilizzate per feste e manifestazioni.

Orari di apertura:
Martedì – Domenica ore 10.00 – 17.00 (ultimo ingresso sempre alle ore 16.00) lunedì chiuso (in inverno anche domenica chiuso), solo aperto per gruppi da metà gennaio a inizio marzo

Contatti: www.muenze-hall.at

By | 2019-04-08T16:41:42+00:00 aprile 2019|News|