Settimana bianca low cost: dove sciare nell’inverno 2018-2019

Sciare ©Holidu_Pixabay

Dove andare a sciare nell’inverno 2018-2019, per potersi godere la montagna e la neve e magari risparmiare anche un po’? Per organizzare una settimana bianca low cost bisogna conoscere le mete più economiche. E poi tirare fuori sci, snowboard, tute e accessori e partire alla volta delle vette che ci accoglieranno per vivere al meglio la nuova stagione sciistica.

Sono molti i comprensori in Italia e in Europa dove andare a sciare in inverno. Per una settimana bianca o un weekend sulla neve, per risparmiare un po’ dobbiamo scegliere quelle mete di montagna che possono garantirci ottimi prezzi, anche per il soggiorno e non solo per assecondare la nostra voglia di mettere gli sci ai piedi.

Ski rollo © Holidu_Pixabay

Holidu, famoso motore di ricerca che ci aiuta a trovare le migliori case vacanze, ha stilato la classifica delle più importanti località sciistiche in Italia e in Europa, per comparare sia i prezzi del pernottamento in case vacanze sia quelli degli skipass.

Dove sciare in Italia

Iniziamo dal nostro bel paese. Che in fatto di montagne non ha niente da invidiare al resto d’Europa. Anzi. Sono tante le località sciistiche da scegliere per le vacanze dell’inverno 2018-2019. Così come sono numerose le mete più convenienti.

Sciare ©Holidu_Pixabay

Pinzolo

Primo posto per la località dell’Alta Val Rendena, in provincia di Trento. 32 chilometri di piste, per ogni livello di preparazione. Qui potete pagare 41 euro lo skipass giornaliero e 35 euro l’alloggio, anche in alta stagione.

Val di Fiemme ©Holidu_Pixabay

Val di Fiemme

Nel cuore delle Dolomiti, ecco uno scenario semplicemente meraviglioso dove andare a sciare. La valle comprende 11 paesi, 112 chilometri di piste, molte delle quali facili. Lo skipass in alta stagione costa 50 euro, mentre il pernottamento intorno ai 28 euro.

Via Lattea ©Holidu_Pixabay

Via Lattea Internazionale

Terzo posto per il comprensorio sciistico della Via Lattea, dove lo skipass costa solo 38 euro per le 212 piste per un totale di 400 chilometri. E il pernottamento a Sestriere, Sansicario, Cesana e Pragelato? In bassa stagione costa intorno ai 47 euro a persona a notte.

Monterosa ski ©Holidu_Pixabay

Monterosa Ski

E’ leggermente più costoso della Via Lattea, visto che lo skipass costa 50 euro. I prezzi degli alloggi, invece, sono molto convenienti, circa 38 euro a persona. E possiamo scegliere tra molte località come Champoluc, Gressoney la Trinite, Antagnod e Alagna.

Folgaria

Andiamo in Trentino, a Folgaria, per poterci divertire nei 74 chilometri di piste. Lo skipass costa intorno ai 40 euro, mentre il prezzo degli alloggi in bassa stagione può arrivare anche 29 euro. Davvero conveniente.

Passo del Tonale

Il valico alpino tra Trentino e Lombardia, che si trova nelle Alpi Retiche, ospita 100 km di piste, con skipass a 45 euro al giorno. Qui è molto famosa la pista nera Paradiso, solo per esperti. L’alloggio può arrivare a costare 44 euro a testa in alta stagione.

Bormio ©Holidu_Pixabay

Bormio

Settima posizione per Bormio, all’interno del Parco Nazionale dello Stelvio. 110 chilometri di piste per esperti e intermedi, con skipass a 43 euro al giorno. Il prezzo per dormire in alta stagione è di 56 euro, ma se si va in bassa stagione scende a 31 euro. A gennaio lo skipass notturno costa 16 euro.

Val di Fassa ©Holidu_Pixabay

Val di Fassa

Torniamo nel cuore delle Dolomiti, dove sette comuni sapranno accoglierci con lo stile unico di questa zona d’Italia. Lo skipass giornaliero, valido per 210 km di piste, costa 53 euro. Dormire, invece, può costare anche 47 euro in alta stagione. A marzo costa decisamente meno.

Breuil Cervinia ©Holidu_Pixabay

Breuil-Cervinia-Valtournenche

Il comprensorio sciistico al confine con la Svizzera vanta piste lunghe 156 km. Lo skipass giornaliero costa 48 euro. Dormire può costare anche 53 euro, ma a marzo è più conveniente.

Courmayeur ©Holidu_Pixabay

Courmayeur

Andiamo a Courmayeur, forse una delle mete più famose. Lo sapete che è il comprensorio più antico d’Italia? Si trova in Valle d’Aosta, ai piedi del Monte Bianco. 100 km di piste, 104 euro al giorno. E’ una delle destinazioni più costose, ma ne vale la pena.

Livigno ©Holidu_Pixabay

Livigno

Torniamo in Lombardia, nelle Alpi Retiche. 111 euro al giorno per 115 chilometri dove sciare, al prezzo intermedio di 49 euro di skipass. Gli alloggi in alta stagione possono arrivare a costare 62 euro a notte.

Plan de Corones ©Holidu_Pixabay

Plan de Corones

Una meta molto amata dagli italiani, ma non così economica. Dormire in appartamento costa 61 euro al giorno in alta stagione. Lo skipass può arrivare a costare 57 euro. Plan de Corones è consigliato per chi deve imparare a sciare.

Madonna di Campiglio

Una location davvero esclusiva, dove i prezzi cominciano a salire. Lo skipass costa 51 euro al giorno. In alta stagione dormire costa 72 euro, contro i 42 della bassa stagione. Qui ci sono molte piste rosse!

Alta Badia ©Holidu_Pixabay

Alta Badia

Qui si spende circa 126 euro al giorno per dormire e sciare, visto che lo skipass costa 56 euro e l’alloggio tra i 63 e i 70 euro. Qui ci sono molte piste da sci blu, quindi ideali per chi si è appena appassionato.

Val Gardena ©Holidu_Pixabay

Val Gardena

473 chilometri di piste, per uno skipass che costa 61 euro al giorno. Dormire in casa vacanza può arrivare a costarvi anche 80 euro al giorno. Ma la lunghezza delle piste e la zona meritano davvero.

Cortina ©Holidu_Pixabay

Cortina d’Ampezzo

Concludiamo con Cortina, la regina delle mete italiane per la settimana bianca. La città veneta costa decisamente di più, ma non a caso si chiama La Perla delle Dolomiti. 120 km di piste, la maggior parte delle quali blu, e skipass che costa 56 euro sia in alta sia in bassa stagione.

Dove sciare in Europa

Ski rollo © Holidu_Pixabay

Quali sono le località sciistiche più convenienti in Europa? In Francia e Germania possiamo trovare tante valide alternative alle piste italiane, soprattutto se abbiamo più giorni a disposizione. Il paese teutonico ci aspetta a Fichtelgebirge in Baviera, al confine con la Repubblica Ceca (41 euro in totale). Mentre in Provenza, in Francia, troviamo Chabanon (43 euro in totale). Si può sciare anche in Spagna, a Valdezcaray (46 euro).

Anche l’Europa dell’Est offre molte opportunità per risparmiare. In Polonia c’è Szczawnica, la più economica d’Europa (33 euro), ma anche Czarna Góra – Sienna (41€), Szklarska Poreba (43€) e Krynica-Zdrój (48€). Mentre in Repubblica Ceca troviamo Dolní Morava (47€), al confine con la Polonia, e Rokytnice Nad Jizerou (48€), nella regione di Liberec.

E le località più esclusive, invece? Le troviamo in Austria e Svizzera. E ovviamente in Italia. Le località austriache più care sono Serfaus-Fiss-Ladis (157€), St. Anton am Arlberg (154€), Kitzbühel (147€) e Ischgl (140€). Quelle svizzere, invece, Zermatt (174€), la più costosa d’Europa, St. Moritz (156€) e Andermatt (144€).

By | 2018-12-12T07:18:10+00:00 dicembre 2018|Destinazioni, Montagna|