Viaggiare News
Destinazioni

Al Parco faunistico Le Cornelle: apre Pinnawala

Nel  Parco faunistico Le Cornelle a Valbrembo, in provincia di Bergamo, si alza   il sipario su Pinnawala: l’oasi degli elefanti indiani, la rinnovata area tematica del parco in omaggio al Pinnawala Elephant  Orphanage, orfanotrofio dello Sri Lanka per elefanti asiatici.

Cinquemila metri quadrati, un investimento da oltre un milione di euro e due ospiti davvero speciali.

Il Parco Faunistico Le Cornelle, adagiato sulla sponda orientale del fiume Brembo, nella splendida cornice delle Prealpi Orobiche, dà il benvenuto ad una nuova affascinante area tematica: l’oasi degli elefanti indiani.

Un capolavoro di ingegneria sostenibile a uso esclusivo di questi mammiferi per il quale è stato scelto un nome speciale: «Pinnawala», in omaggio all’orfanotrofio per elefanti asiatici dello Sri Lanka, il Pinnawala Elephant Orphanage, struttura che dal 1975 ospita cuccioli di elefante rimasti orfani, contando il maggior numero di esemplari di elefanti asiatici gestiti dall’uomo al mondo.
Gli elefanti, infatti, sono tra i pochi animali capaci di provare affetto e Le Cornelle, che da quest’anno sostiene l’operato del Pinnawala Elephant Orphanage, sa bene quanto sia importante donare loro cure e attenzioni. Per questo, è stata rinnovata completamente l’area a loro dedicata creando un ambiente all’insegna del pieno benessere.
Il suolo sabbioso, una lussureggiante vegetazione composta da piante di varie specie come palme e bambù, intervallate da rocce e massi, e un’ampia vasca con due spettacolari cascate rendono l’Oasi perfetta per le due simpatiche ospiti del Parco: le elefantesse indiane Rupa, di 42 anni, e Inda, di 37. Come due vere dive, ogni giorno vengono accudite da tre operatori che si occupano dell’alimentazione e dell’igiene, con tanto di manicure e pedicure, con taglio e limaggio delle unghie, e con un’attenzione speciale alle zampe.
La nuova oasi prevede anche un piacevole punto di osservazione con una terrazza sopraelevata di 82 metri quadri. Sono tante, infatti, le particolarità che si possono scoprire osservando da vicino gli elefanti indiani, specie più piccola rispetto all’elefante africano, ma dalle proporzioni comunque considerevoli: alti circa 3 metri, lunghi fino a 6 metri e mezzo e con un peso che può arrivare a 5 mila kg, ogni giorno possono ingerire fino a 150 kg di cibo (sono ghiotti di erbe, germogli, frutti e cortecce) e la proboscide da sola è composta da almeno 100 mila muscoli differenti, riuscendo a sollevare pesi da 250 kg.
Ma ciò che stupisce di più è che, come dimostrato da tantissime ricerche, questi mammiferi sono tra i pochi al mondo a provare empatia e solidarietà con altri esseri viventi. E basta osservare i comportamenti delle due ospiti del Parco, Rupa e Inda, per capire come il rapporto tra le due sia strettissimo
È facile, quindi, intuire, quanto possa essere doloroso per un cucciolo di elefante ritrovarsi senza la propria mamma. Per questo è importante che esistano strutture che possono prendersi cura di loro, come l’orfanotrofio Pinnawala, che ha iniziato la sua attività accudendo 5 cuccioli, ed oggi ospita 88 elefanti, 39 maschi e 49 femmine, tra cui Mathali, la femmina più anziana che ha partorito nel 1994 Amalee e che oggi è diventata nonna di Elvina. Il primo cucciolo nato nel PEO, invece, è del 1984 e si chiama Sukumali: da allora nell’orfanotrofio sono nati ben 70 esemplari.

Parco Faunistico Le Cornelle
Via Cornelle, 16, Valbrembo (BG)
www.lecornelle.it

È possibile organizzare gite per le scolaresche a prezzi scontati, tutte le info utili per modalità di prenotazione e prezzi sono presenti sul sito www.lecornelle.it, sezione PRENOTAZIONI SCUOLE.
All’interno del Parco sono presenti diversi punti ristoro (incluso un self service al chiuso), aree picnic sia all’aperto che al coperto e negozi di souvenir.
Per qualsiasi ulteriore informazione si può contattare il numero 035/527422.

Franca D.Scotti

Related posts

Per i collegamenti con Mosca, Emirates offre voli di qualità

redazione1

REMISE EN FORME A BAGNI DI PISA

claudia.dimeglio

Planhotel Hospitality Group: personalizzare l’avventura a Zanzibar

redazione1

Utilizziamo i cookie per garantirti la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione ne accetti l'uso. Accetta Informativa