Proposte tour operator

Cina e Himalaya da 40 anni il grande impegno di Mistral Tour

Una manciata di mesi e saranno quarant’anni che Mistral Tour programma la Cina. Pioniere fu Stefano Chiaraviglio, fondatore dell’operatore turistico nel 1976, anno in cui organizzò il primo volo charter da Torino per Pechino (non esistevano voli di linea).

Oggi la Cina è decisamente cambiata ed è diventata una meta turistica sempre più frequentata e ambita. Non è cambiata invece la passione di Mistral Tour per questo Paese, anzi. L’operatore è il punto di riferimento per eccellenza del mercato sulla Cina, proponendo anche località poco conosciute, ma di grande e inesauribile fascino.

“La nuova edizione del catalogo, dedicato non soltanto a Cina, ma anche a Mongolia, ai paesi himalayani, Taiwan e Corea del Sud, non ha eguali in Italia per completezza ed esperienza – commenta Michele Serra. – I nostri viaggi di gruppo non vengono condivisi con nessun altro tour operator, perché sono in esclusiva sul mercato e con partenze sempre garantite ogni settimana. Ogni viaggio è studiato e disegnato per i nostri clienti, frutto di una costante verifica dei nostri esperti che si recano in Cina più volte all’anno, dei nostri corrispondenti e del nostro ufficio di Pechino. Siamo infatti il primo operatore turistico italiano che ha un proprio ufficio a Pechino, con personale in lingua italiana, aperto 24 ore su 24 che assiste tutti i nostri viaggiatori, monitora hotel e servizi ma soprattutto seleziona e forma le migliori guide disponibili. Tutti i nostri tour di gruppo sono seguiti, oltre che dalle guide locali appartenenti all’agenzia di Stato Cinese, dai nostri accompagnatori privati, in lingua italiana, che lavorano in esclusiva per Mistral e rappresentano il valore aggiunto di un viaggio Mistral in Cina”.

Tra le novità in catalogo, l’Indice Parlante, che in un modo semplice ed efficace elenca in un paio di pagine e suddivisi per tour di gruppo e individuali, tutti i viaggi proposti in Cina, Mongolia e Himalaya di Mistral Tour, indicando per ogni proposta informazioni essenziali e utili alla scelta come la durata, le località toccate e il prezzo “a partire da”.

Nuova anche l’impostazione grafica di ogni tour a doppia pagina: nella prima pagina ci sono due box che riportano rispettivamente la descrizione per punti del viaggio e perché scegliere Mistral Tour; nella seconda compare il programma dettagliato.

“Per quanto riguarda i tour di gruppo, le partenze sono previste due volte la settimana, sabato e lunedì e sono tutte garantite. Prevediamo 104 partenze in un anno. Gli hotels sono di prima categoria o prima categoria superiore, comunque i migliori disponibili e soprattutto si trovano al centro delle città. Un assistente in lingua locale accompagna il gruppo per tutto l’itinerario; infine, il trattamento indicato è di solito di pensione completa, eccetto qualche pranzo e cena.
Gli altri plus che proponiamo sono la formula che blocca definitivamente ogni adeguamento valutario al momento della conferma del viaggio e la cancellazione del viaggio anche all’ultimo minuto senza rischi e per qualsiasi causa, con rimborso dell’intera quota di partecipazione già versata eccetto che per un contributo spese forfettario che va da un minimo di 5% a un massimo di 15%.” precisa Michele Serra.

Come consuetudine il primo tour in catalogo è “L’Impero di Gengis Khan” un viaggio di grande suggestione nella sconfinata Mongolia dove i partecipanti vivono l’esperienza di dormire in un campo tendato.

Segue l’ampia sezione dedicata alla Cina, con i classici di Mistral Tour, come il “Gran Tour della Cina” di 15 giorni che tocca le mete più interessanti in città, campagna e montagna e offre l’opportunità di vedere un meraviglioso villaggio fluviale, Tongli (da € 2.365); “Triangolo Imperiale” di 9 giorni dedicato a Pechino, Xian e Shangai (da € 1.365); “Discover Cina” di 12 giorni che include anche Guilin (da € 1.945).
O ancora “Il cuore della Cina” di 14 giorni che oltre alle mete classiche si spinge fino alla provincia di Shanxi per visitare Pingyao, dove si può ancora osservare l’autentica Cina dei mandarini e delle tradizioni confuciani. Si dorme in una guesthouse di fascino (da € 2.825).

“In ripresa il Nepal e i viaggi in Himalaya in generale. Da qualche anno dedichiamo una sezione ai paesi himalayani, il vero Tibet, il Ladhak, Bhutan e Nepal, proponendo viaggi di gruppo in eslcusiva con accompagnatore in italiano, anche in abbinamento tra loro, come “Tibet e Nepal Gran Tour” di 11 e 13 giorni con estensione a Kathmandu” precisa Michele Serra.
Tra le estensioni individuali riproposto il Campo Base Everest, di 4 giorni (circa da € 1.500 a persona) un’esperienza unica con pernottamento 5.000 metri.

“Quest’anno, abbiamo notevolmente ampliato la sezione dei “viaggi in libertà”, per chi ama muoversi organizzandosi per conto proprio le visite: abbiamo pensato a facilitare il compito, creando numerosi itinerari in cui sono inclusi solo i servizi essenziali di libertà.
Per approfondire la conoscenza del paese, è possibile aggiungere un’estensione a inizio o fine viaggio nelle zone più remote e affascinanti della Cina o dei paesi confinanti: è la nostra ricchissima sezione “Tesori nascosti”, dove vengono proposti, alcune volte in anteprima assoluta, i volti più misteriosi dell’“Impero del Figlio del Cielo”. Tra le novità, segnaliamo “Montagne Colorate” di 5 giorni/4 notti, un viaggio che si svolge nel Parco nazionale del Danxia, nella provincia nord occidentale del Gansu, l’ultima frontiera del turismo cinese appena scoperta dai circuiti internazionali. I colori incredibili delle rocce di queste montagne, lisce, taglienti e scoscese (frutto dei depositi di arenaria rossa e di altri minerali), danno l’impressione di ammirare un arcobaleno di sabbia, che avvolge speroni di roccia, gole, valli e cascate: è uno degli scenari più affascinanti della Cina (da € 1.850 a persona)” continua Michele Serra.

Non mancano le estensioni mare a un viaggio in Cina, sempre più richieste dal mercato italiano. Dall’isola tropicale di Hainan, grande come la Sicilia, con spiagge di sabbia bianca e coltivazioni di riso e thé. Si trova a sud est di Hong Kong di fronte al Vietnam. Ma ci sono anche proposte per Thailandia, Malesia, Indonesia, Dubai, Maldive e anche Fiji e Polinesia.

 

Articoli simili

Guatemala – Honduras, sulle tracce dei Maya

anna.rubinetto

I deserti di Viaggi Levi

anna.rubinetto

Karambola festeggia i suoi 25 anni in giro per la Penisola

redazione1