Isole Eolie: Vulcano ed il re del del pesce – King of fish

Le isole Eolie o Lipari, come si diceva una volta a scuola, sono una manciata di perle buttate dagli dei nel mare blu cobalto della costa nord-orientale della Sicilia….e chi non le conosce ?

Lipari, appunto, la più grande, Salina, ricca di vigneti, Panarea, la più mondana, Filicudi ed Alicudi le più isolate, Stromboli, con “ IDDU” il suo vulcano attivo e poi…Vulcano con le sue fumarole ed i fanghi sulfurei.

La più vicina alla costa -35 minuti di aliscafo da Milazzo- frequentata anche per un mordi e fuggi nel finesettimana.

E, se il dio del fuoco, Efesto( per i romani Vulcano) ha pensato bene di scegliersi come residenza Stromboli e da lì gettare fuoco e fiamme in mare, nell’isola di Vulcano si è insediato un nuovo re; il re del pesce

KING OF FISH, impersonificato magistralmente da Gianluca Fusco che dal bancone della pescheria(perchè questo è, durante il giorno) chiama, ordina, consiglia, taglia, anzi sarebbe più corretto dire squarta, con la mannaia, grosse fette di tonno rosso, di pesce spada, ricciola, cernia e via discorrendo.

Avete capito bene: una pescheria.

king of fish (4)

In orario di lavoro tale è, direttamente sulla spiaggia del porto di ponente nella frazione di Vulcano Porto a pochi metri dal pontile degli aliscafi.

Poi all’ora di pranzo, e soprattutto a cena, si trasforma e diventa “anche” ristorante.

Eh sì, ANCHE; perchè se durante l’orario del ristorante qualcuno vuole portarsi del pesce a casa, va al bancone, lo sceglie e se ne va, oppure se lo fa cucinare e se lo porta in barca, semplice.

E così funziona anche per i clienti del ristorante; vai al bancone da Gianluca, scegli ciò che vuoi( non perdetevi il crudo !!!!) lui te lo pesa, ti scrive sulla carta il prezzo che poi ti ritrovi nello scontrino.     Elementare.

Certo, come tutte le cose elementari, anche qui manca qualcosa: l’organizzazione dei tavoli, il servizio che, come lo ha definito qualcuno, è un po’ “coatto” ; ma sta bene così, perchè, comunque, non rasenta mai la maleducazione e se coatto è, lo è in buona fede perchè loro, i Fusco, perchè fanno tutto in famiglia, di mestiere in effetti, fanno i pescivendoli e non se la tirano troppo sul servizio o sull’arredo(tavolini in plastica, secchio in plastica sotto al tavolo con ghiaccio per tenere fresco il vino), magari si dimenticano della vostra comanda e dopo mezz’ora state ancora aspettando che vi portino almeno pane ed acqua, però……..

Ah, una raccomandazione importante: non fatevi portare il pane, è fragrante e buonissimo( forse perchè quando arrivate avete una fame boja) e vi rovinereste l’antipasto ed il resto della cena, che è eccezionale.

…..dicevamo….però….se ciò che vi interessa è mangiare del pesce STRAfresco, fatto in tutti i modi: fritto, marinato, alla griglia, al sale, al forno, in padella e……e qui di cucina non si parla perchè vi arriva sfilettato o in tartàre direttamente dal bancone……C R U D O…..fidatevi, questo è il posto che fa per Voi.

Se possibile evitate il sabato sera e la settimana di ferragosto; rimarreste delusi e mi dareste del bugiardo.

Prenotate per tempo e rilassatevi guardando il mare o il vulcano con le fumarole proprio sopra la vostra testa.king of fish (2)

Siete in vacanza…….chevvefréga se state seduti a tavola due ore……godetevela !!!!

I prezzi, per essere in un’isola delle Eolie ed in Estate, sono ragionevoli e, per chi è abituato ai prezzi del Nord Italia sono a livello di un fritto misto( molto spesso scadente) di una pizzeria.

Menù tipico ultima settimana di luglio 5 persone: antipasto composto da crudo, marinato e fritto( e qui eravamo già satolli), 2 branzini da 1,3 e 1,2 kg(pescati non da allevamento), oppure un filetto di tonno rosso impanato con mandorle e pistacchi alla griglia a testa, alto due dita(menù della seconda sera), acqua, vino, sorbetto (non chiedetemi perchè non abbiamo preso i primi; giuro non avremmo mandato giù più nemmeno il caffè) …….205 € che in cinque fa 40 € a testa perchè gliene abbiamo dati 200…….fate voi…

KING OF FISH   Porto levante

VULCANO isole Eolie           Tel 090 9852010

 

Testo ed immagini di Adriano Gatta

By | 2015-08-14T11:04:01+00:00 agosto 2015|Ci siamo stati, Reportage|