Viaggiare News
Africa Destinazioni

A Cipro per il Festival del vino

Antichi castelli Crociati, vigneti, Monasteri, mosaici di epoca romana. E poi il mare cristallino, colori, sole, tanto sole. Cipro è una meta ideale in tutte le stagioni grazie al clima sub tropicale mediterraneo, agli inverni miti, alle scarse piogge, anche in primavera e in autunno. Virtuale incrocio di tre continenti, Cipro regala suggestioni proprie di un luogo dove storia e cultura si sono alimentate da più fonti. Un’isola unica, che non riesci a paragonare a nessun altro posto nel Mediterraneo.

I vigneti costituiscono storicamente una delle risorse principali dell’isola. Non a caso, da più di cinquant’anni a Cipro si organizza un vero e proprio Festival del vino. La manifestazione, che attira  turisti da mezza Europa, quest’anno si terrà dal 28 Agosto al 7 settembre nella cittadina di Lemesos. Dieci giorni di festa, allegra e contagiosa, che ruoterà intorno ai Giardini Municipali della città e al Museo del Vino Cipriota, situato nel villaggio di Erimi, nel cuore della zona di produzione vitivinicola dell’isola, che è aperto tutto i giorni dalle 9 alle 17. Mostre fotografiche e presentazioni audiovisive faranno da contorno all’evento, al quale sono attesi non meno di 15 mila visitatori.

L’enogastronomia cipriota è protagonista di altre manifestazioni da non mancare. A Galata, località famosa per il suoi mulini centenari, il 6 settembre si terrà il Pastry and Baking Goods Festival (festival della pasticceria e dei prodotti da forno). Galata è altresì una meta culturale non trascurabile, grazie alle quattro chiese affrescate di cui una, la Panagia Podithou, è inserita nel Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’Unesco.

A settembre e ottobre, altre cinque giornate dedicate all’uva completeranno i festeggiamenti legati al mondo del vino. Si tratta del Grape Feast, che si terrà il 13, 20 e 27 settembre  nei villaggi di Lofou, Vasa e Arsos per proseguire il 4 e il 18 ottobre nei villaggi di Koilani e Vouni.  Giornate dedicate alla degustazione dei vini autoctoni, allietate da performance musicali e spettacoli folcloristici. I più curiosi potranno osservare i metodi di produzione del palouze,  budini di mosto d’uva,  e del shoushouko, dolce tipico cipriota a forma di collana.

Maggiori info su: www.turismocipro.it

CONDIVIDI:

Articoli simili

Giappone, tra presente e passato

anna.rubinetto

SETTEMARI: campagna Party con Settemari e programmazione 2022

anna.rubinetto

Un simpatico nuovo ponte a Copenhagen

ugo
Please enter an Access Token