Viaggiare News
Destinazioni Europa

Salisburgo un romantico percorso barocco con il DomQuartier

Salisburgo un romantico percorso barocco con il DomQuartier

Antiche torri e cupole barocche, chiese e fastosi palazzi costellano il centro storico della splendida Salisbsurgo romantica e sontuosa.

Patrimonio mondiale dell’UNESCO, il centro storico sarò ancora più protagonista dell’offerta turistica salisburghese; il  17 maggio si inaugurerà il DomQuartier, percorso attraverso diverse meraviglie barocche, che riaprirà al grande pubblico dopo oltre due secoli.

Il felice connubio tra architettura, arte, cultura della “Roma del nord” affascina per la bellezza e per i grandiosi fasti del passato, all’epoca in cui i principi arcivescovi governavano sulla citta.

Ancora oggi ritroviamo le testimonianze del passato nelle piazze, sui palazzi barocchi, negli splendidi giardini urbani di Mirabell e nella fortezza di Hohensalzburg che domina il fiume Salzach.

Salisburgo, città patria di Wolfgang Amadeus Mozart  è rinomata nel mondo per la grande offerta concertistica e musicale, oltre ai numerosi eventi culturali come il Festival di Salisburgo, che in estate attira migliaia di spettatori.

Tra tutte queste meraviglie è pronto a brillare il DomQuartier, percorso circolare che attraversa quello che fu il centro del potere dei principi arcivescovi. L’itinerario ha inizio dalla splendida Residenza di Salisburgo  centro del potere temporale dei sovrani e la Galleria della Residenza che con il suo ambiente sontuoso rispecchia perfettamente il carattere artistico della città.

Proseguendo verso il Duomo, passaggio obbligato è la Terrazza sugli Archi, da dove si gode di uno splendido panorama sia su Salisburgo sia sulle montagne circostanti. Nel  Museo del Duomo sono custodite opere d’arte che testimoniano più di un secolo di storia e nella Camera dell’Arte e delle meraviglie dei principi arcivescovi, si osservano oggetti e curiosità artistiche e naturali. 

Il percorso circolare del DomQuartier si conclude al museo di S. Pietro, con la collezione privata di opere d’arte del Monastero dei Benedettini e alla Chiesa dei Francescani, una delle chiese più antiche della città.

Di sera Salisburgo si anima di “dolce vita” fra le sue strade, gli stretti vicoli e i romantici cortili interni che nascondono molte rinomate manifatture tradizionali. Passeggiare a lungo nel quartiere storico è il modo migliore per scoprire l’anima più autentica di Salisburgo.

Per completare la conoscenza della città meta obbligata sono i numerosi caffè che si trovano ovunque e promettono una dolce pausa di ristoro; il Caffè Fürst, luogo in cui sono nati i famosi cioccolatini  Mozartkugeln, il Caffè Tomaselli, considerato il più antico caffè viennese d’Austria, conserva tuttora il suo aspetto originario, il Caffè Bazar, vera istituzione salisburghese e da sempre punto di incontri di artisti e personalità di spicco.

La città di Mozart vanta oltre 5 secoli di storia nella fabbricazione della birra; patrimonio gastronomico di cui Salisburgo va molto fiera e che vede la presenza di ben 10 fabbriche.  Spiccano fra le altre la birreria Stiegl, la più grande di tutta l’Austria, la Brauhaus Gusswerk, l’unica al mondo che fabbrica birra biologica e l’Augustinerbräu, nel convento di Mülln, dove la birra viene ancora spillata dalle tradizionali botti di legno e servita nel giardino all’ombra degli ippocastani.

CONDIVIDI:

Articoli simili

White Christmas a Castelrotto

anna.rubinetto

Anche in Val di Fassa è tempo di Carnevale con tanti divertenti appuntamenti

redazione1

In Sassonia il Natale è festeggiato anche con tanti prodotti artigianali

redazione1
Please enter an Access Token