Viaggiare News
Hotel

I migliori 10 hotel al mondo dove poter rivivere le atmosfere e la magia degli eventi politici e storici che hanno cambiato il mondo

the royal londra

 Per vacanze invernali all’insegna della storia e della politica, HRS, il portale leader in Europa per i viaggi d’affari e non,  ha selezionato i migliori 10 hotel al mondo dove poter rivivere le atmosfere e la magia degli eventi politici e storici che hanno cambiato il mondo. Per qualche giorno sarà possibile dormire nello stesso letto di Churchill, Chirac e Gorbachev o fingere di essere un agente dei servizi segreti britannici facendo colazione al Royal Horseguards di Londra.

La prima proposta è il Beau-Rivage Palace Hotel di Losanna in Svizzera. Inaugurato nel 1857, nel 1912 e nel 1923 ha ospitato le firme dei due Trattati di Losanna, il primo ha siglato la pace tra Italia e Impero Ottomano al termine della guerra italo – turca mentre il secondo, al termine della prima guerra mondiale, ha sancito la pace tra la Turchia e le potenze dell’intesa. L’hotel ha inoltre ospitato Nelson Mandela, l’imperatrice d’Austria Sissi.

Si prosegue con il The Fairmont Hotel di San Francisco dove, nel 1945, 50 delegati hanno lavorato e dato vita alla Carta delle Nazioni Unite. Da allora è diventato meta di culto e il luogo preferito per i meeting ONU. L’hotel, fondato nel 1907, ha ospitato tra gli altri Harry Truman e John F. Kennedy.

La terza idea è quella di organizzare un week-end romantico presso lo il Castello di Cecilienhof di Potsdam, Costruito in stile Tudor dall’ultimo imperatore tedesco Gugliemo II per il figlio più grande. L’edificio è rimasto alla storia perché nel 1945 Churchill, Truman e Stalin discussero e raggiunsero accordi sulla gestione dell’immediato dopoguerra siglando il Trattato di Potsdam.

Giocare a fare l’agente segreto è la quarta proposta di HRS. Il Royal Horseguards Hotel di Londra, situato tra il Tamigi e Trafalgar Square, è stato – nel corso della prima guerra mondiale – il quartier generale dei servizi segreti britannici.

Senza allontanarsi troppo da casa, si potrebbe scegliere come meta vacanze Roma soggiornando presso l’Hotel Nazionale di Piazza Montecitorio; a pochi passi dal Parlamento è il vero centro della vita politica nazionale.

Interessante destinazione quella di Versailles per trascorrere una notte presso l’hotel 5 stelle Trianon Palace, uno dei più belli hotel di lusso francesi. Nel 1919, verso la fine della prima Guerra Mondiale, il giardino dell’hotel ha ospitato la firma del Trattato di Versailles.

Considerato nel corso della seconda Guerra Mondiale il centro della coalizione antifascista. l’Hotel National Luxury Collection di Mosca è una meta imperdibile per tutti gli appassionati di storia. Le sue mura hanno ospitato membri della famiglia reali, artisti ed esponenti del governo bolscevico. Anche Vladimir Lenin ha soggiornato qui.

Di grande fascino l’ottava proposta di Hrs: il Ciragan Palace Kempinski di Istanbul, l’unico hotel turco situato all’interno delle mura di un palazzo del Sultano. Offre un assaggio della vita che conducevano i sultani e in passato è stato sede temporanea del parlamento turco.

Altro luogo da non perdere è il King David di Gerusalemme, che dal 1931 ha ospitato Bill Clinton, Tony Blair, Jacques, Chirac, Gerhard Schröder, Joschka Fischer e Johannes Rau. Nel 1994 è stato sede della firma del trattato di pace tra Israele e Giordania. Recentemente ha ospitato Barack Obama, con 200 camere – praticamente l’intero hotel – a disposizione del leader e del suo staff.

Ultima meta consigliata San Pietroburgo e il Grand Hotel Europe, albergo preferito da Madeleine Albright, Jimmy Carter, Jacques Chirac e Mikhail Gorbachev. Famoso inoltre le visite del guaritore e consigliere della Zarina Aleksandra Fëdorovna Romanova Grigorij Rasputin.

CONDIVIDI:

Articoli simili

Bruno Barbieri, vestito da Runggaldier, incorona ImperialArt Hotel

ugo

l’Hotel Schloss Pontresina Family: al via con nuove proposte invernali

redazione1

Gennaio ad Antigua: un inverno caraibico firmato Carlisle Bay

anna.rubinetto

Scrivi un commento

Please enter an Access Token