Viaggiare News
Destinazioni News

Scozia, alla ricerca di Nessie

scozia-lock-ness-castello

Rovine di antichi castelli a picco sulle scogliere, verdissimi prati su cui pascolano impassibili pecore lanose, ampi fiordi, rinomate distillerie in cui gustare corposi whisky. E poi maestose cattedrali, piccoli villaggi di pescatori, laghi scuri che punteggiano le highlands, attraverso i luoghi più rappresentativi della Scozia, da Edimburgo ai castelli di Edzell e Dunnottar, dove fu ambientato il film “Amleto” di Zeffirelli, passando per Loch Ness, il rifugio dell’omonimo e ricercatissimo mostro, meta imperdibile per gli appassionati di misteri e leggende. Irrinunciabile Glencoe: qui, dove nel 1692 i soldati del Re Guglielmo massacrarono il clan dei MacDonald, si stagliano montagne ripide che permettono infinite possibilità di escursioni ed arrampicate, oltre ad offrire panorami indimenticabili, fatti di alti picchi rocciosi e fragorose cascate di acqua bianca. Durata 11 giorni/10 notti, partenze tutti i giorni dal 1°maggio al 31 ottobre 2013, da € 1.640 trattamento b/b, info www.velatour.it, tel 8OO 96982O

Nel silenzio maestoso delle highlands non è raro avvistare il cervo rosso, il gatto di montagna e l’aquila dorata, oltre naturalmente a diverse specie di flora artica. L’ultima tappa del viaggio è riservata a Glasgow, la città più popolosa di Scozia, il cui nome in antica lingua gaelica significa “spazio verde”. Città operaia, ma anche centro culturale vivace e frizzante, dove gli edifici medievali e vittoriani convivono in armonia con costruzioni industriali e iper moderne, Glasgow vive dei suoi contrasti: le strade animate, i musei affollati, i pub frequentati da persone di ogni età ne fanno un luogo ospitale, divertente ed affascinante, ideale per concludere un viaggio intenso a base di storia e natura. Gli scozzesi amano alla follia le loro antiche tradizioni, rappresentate al meglio dal kilt, il gonnellino in tartan indossato dagli uomini nelle occasioni importanti, il cui disegno identifica e distingue un clan dall’altro. Se vi recate in Scozia durante l’estate, vi consigliamo di non mancare l’appuntamento con una delle tantissime feste a base di cornamuse, antichi balli e atletica, di cui gli scozzesi vanno particolarmente fieri (tra tutte segnaliamo la festa che si svolge in settembre a Braemer): verrete travolti da un’energia incontenibile e sarete stupiti dall’infinit a varietà di colori e fantasie dei gonnellini tradizionali!

CONDIVIDI:

Articoli simili

Monferrato: con Mon.D.O. un Gran Tour

redazione1

” Djerba terra di pace e tolleranza “alla sua 3 edizione il 6 e 7 giugno 2015

anna.rubinetto

Québec: nuove avventure ‘da brivido’ sulla neve

anna.rubinetto

Scrivi un commento

Please enter an Access Token