Viaggiare News
Benessere Destinazioni News

Latte, vini e mele fanno il loro ingresso alle Terme di Merano

Vasca imperiale per due by Manuela Prossliner m - Terme Merano

 

150 kg di mele per il concentrato – 8.000 frutticoltori, circa 18.400 ettari, 950.000 tonnellate di raccolta annua, pari al 12% del raccolto europeo e al 50% del raccolto italiano. Sono questi alcuni numeri che si riferiscono alla coltivazione della mela in Alto Adige, una produzione elevatissima che interessa anche il meranese.

150 kg di mele altoatesine invece servono per ottenere 1 litro del concentrato puro utilizzato nei trattamenti del centro Spa & Vital delle Terme Merano.

La mela altoatesina entra anche nella linea cosmetica alla mela arricchita con l’acqua termale delle Terme Merano. Privi di oli minerali, conservanti tradizionali, coloranti e ricchi di principi attivi vegetali e acque termali, questi prodotti sono indicati anche per pelli sensibili. Ottenuti dai principi essenziali delle mele, aiutano a mantenere la pelle giovane, fresca e tonica. I prodotti sono acquistabili direttamente dal sito delle Terme Merano, www.termemerano.it.

Vino, uva, vinacce e vinaccioli – Il clima mite e temperato e le caratteristiche del terreno contribuiscono a creare le condizioni ideali per la viticoltura, che interessa circa 305 ettari nel solo territorio meranese. La produzione si divide tra vini rossi per il 63% e vini bianchi per il rimanente, tra i vini più diffusi sicuramente Schiava, Pinot Nero, Pinot Bianco e Sauvignon.

E un vino rosso è anche quello offerto durante il Bagno al vino per due nella tinozza, o in alternativa un bicchiere rinfrescante di succo d’uva (20 min. 43 euro). Anche l’uva infatti figura tra i prodotti impiegati nei trattamenti. Una pulizia profonda con effetto esfoliante si ha ad esempio con il Peeling ai vinaccioli altoatesini (20 min. 34 euro); per un’azione idratante e nutritiva si può scegliere invece il Massaggio con timbri al vapore con vinacce (50 min. 74 euro).

Non sempre il latte si beve – In Alto Adige ogni giorno viene prodotto 1 milione di chilogrammi di latte. Le mucche “altoatesine” sono circa 75.000 e ogni giorno una mucca produce in media, a seconda della razza, dai 20 ai 35 litri di latte. Anche in questo caso i numeri sono davvero sorprendenti! In alternativa al latte vaccino, si sta diffondendo molto anche il latte di capra dal caratteristico gusto più intenso e marcato.

Entrambi si ritrovano alle Terme Merano e vengono utilizzati nei bagni benessere. Si può scegliere tra il Bagno al latte di capra (20 min. 31 euro), il Bagno di Sissi al siero di latte biologico per due con calice di spumante (20 min. 46 euro), il Bagno per due al latte di capra sempre con calice di spumante (20 min. 46 euro).

Giardini e Terme – Nel sito delle Terme Merano si trovano le offerte delle strutture partner, situate sia a Merano, sia negli splendidi dintorni, per una vacanza di tutto relax. L’Hotel Aster*** ad esempio propone il pacchetto “Giardini e Terme”, valido dal 16 aprile al 24 luglio 2013, comprensivo di: 4 pernottamenti in mezza pensione, 1 entrata ai Giardini di Castel Trauttmansdorff, 1 ingresso di 3 ore alle Terme Merano e un buono gastronomico del valore di 8 euro, utilizzabile al Bistro delle Terme Merano oppure nel Ristorante Schlossgarten di Trauttmansdorff. Il tutto a partire da 339 euro a persona.

Info: Terme Merano, www.termemerano.it, tel. 0473.252000.

 

CONDIVIDI:

Articoli simili

AL BAGNI DI PISA PALACE&SPA PER UN CONCERTO DI ANDREA BOCELLI

redazione1

Nel calendario cinese il 2013 è l’anno del Serpente

anna.rubinetto

VIAGGI LEVI vince il premio turismo cultura Unesco 2013

anna.rubinetto

Scrivi un commento

Please enter an Access Token