Viaggiare News
Trasporti Voli

Una Foresta Corsica Ferries nel cuore dell’Amazzonia

Le navi gialle Corsica Ferries diventano sempre rispettose dell’ambiente. In Amazzonia è stato piantumato un bosco di oltre 18.000 alberi per compensare le emissioni di CO2. Una “Foresta Corsica Ferries” dovuta all’acquisto di circa 108.000 certificati verdi da parte dei passeggeri, per costituire un bosco in grado di rafforzare il polmone dell’Amazzonia e contribuire a combattere il riscaldamento globale.

“Siamo soddisfatti del coinvolgimento dei passeggeri in questa iniziativa a difesa dell’ambiente – ha commentato con evidente soddisfazione  Euan Lenmon, amministratore delegato di Corsica Sardinia Ferries in Italia – e ci auguriamo che il numero sia sempre maggiore: è un piccolo impegno da parte di tutti per un vantaggio globale”.

Per questo, da anni la Compagnia promuove – ha aggiunto  l’AD di Corsica Sardinia Ferries – campagne di sensibilizzazione attraverso iniziative che riguardano la costante formazione degli equipaggi e del personale di terra, la riduzione dei consumi di carburante, il rifiuto dei sacchetti di plastica e l’utilizzo di carta riciclata”.

Tutto questo, malgrado che nel settore marittimo, ha concluso Euan Lenmon “non vi sono obblighi di compensazione dell’anidride carbonica prodotta,  ma per  Corsica Sardinia Ferries, la salvaguardia dell’ambiente è un tema troppo importante per restarne indifferenti. Per questo abbiamo dato vita a questo progetto di riforestazione: semplice, concreto e verificabile”.

Ecco il progetto “Foresta Corsica Ferries” in dettaglio:

La società specializzata Pur Projet di Tristan ha redatto, per conto di Corsica Ferries, un bilancio CO2 dalla , che ha proposto una modalità di trasporto più rispettosa dell’ambiente attraverso la compensazione della CO2, con il progetto di riforestazione in Brasile. Infatti, Pur Projet, raccoglie intorno a sé imprese e strutture che intendono lottare contro il riscaldamento globale, attraverso progetti di riforestazione  e conservazione della foresta tropicale.

I risultati del bilancio CO2:

Le attività di trasporto della Compagnia nel 2010 hanno totalizzato 572.700 tonnellate di CO2. Di queste, il 94% sono relative al consumo di carburante, il 4% derivante dalla costruzione di 10 navi ed il 2% dovuto ai fluidi refrigeranti.

Le emissioni per tratta.

Ecco la ripartizione delle emissioni sulla tratta Livorno/Golfo Aranci: 3 passeggeri che viaggiano con 1 auto producono 50 kg di CO2; 1 passeggero a piedi produce 15 kg di CO2 al confronto di un 1 passeggero in volo da Pisa a Olbia  che produce 57 kg di CO2.

Gli  impegni di Corsica Ferries.

Nel campo della salvaguardia dell’ambiente, Corsica Ferries, ha assunto diversi impegni, tra cui quello realtivo alla riduzione dell’impatto ambientale, con la definizione di obiettivi per la diminuzione del consumo di carburante sulle principali tratte.

L’impegno nella compensazione della CO2 prodotta, piantando alberi in sistemi di agro foresteria durevoli e di conservazione di piccoli appezzamenti di foresta tropicale primaria

Una comunicazione continua e diversificata a bordo delle navi, per sensibilizzare i passeggeri, l’equipaggio ed i partner al rispetto dell’ambiente.

Il contributo di partecipazione dei passeggeri.

Il Progetto: Anche i passeggeri sono coinvolti dalla Compagnia delle navi gialle che intende ampliare il proprio impegno ambientale.  In particolare, Corsica Ferries propone ai passeggeri di compensare la CO2 prodotta acquistando un certificato CO2 collegato al loro tragitto. Mentre la Compagnia, si è impegnata a fare piantare degli alberi all’interno di una zona ben delimitata dell’Amazzonia, nell’ambito del progetto denominato “Foresta Corsica Ferries”.

Ubicazione area: la zona in cui vive la comunità indios di Kuntanawa nello stato di Acre in Amazzonia, è il luogo individuato per la riforestazione. Questo popolo è a rischio estinzione e  intende preservare la foresta e fare rivivere la propria cultura. La riforestazione riguarda sia alberi autoctoni che da frutto, compresi negli appezzamenti agricoli. In questo modo oltre alla biodiversità si sostiene anche la comunità culturale.

Il costo del progetto: ecco il prezzo per i certificati verdi:  1 passeggero a piedi o in bici :  0,20 €/ passeggero; 1 passeggero in auto: 1,00 €/ passeggero; 2 passeggeri in auto: 1,28 €/ passeggero; 3 passeggeri in auto: 0,92 €/ passeggero;  4 passeggeri in auto: 0,75 €/ passeggero.

Corsica Sardinia Ferries, dal 1968 è la prima Compagnia di navigazione privata per il numero di passeggeri trasportati, che serve tutto l’anno Corsica e Sardegna.

La Corsica è collegata da Tolone, Nizza, Savona e Livorno mentre la Sardegna da Livorno. Invece, l’isola d’Elba è collegata a Piombino nella stagione estiva. Per assicurare il puntuale e cstante servizio sulle diverse tratte, Corsica Sardinia Ferries gestisce una flotta di 12 navi e si occupa direttamente di tutti i servizi all’utenza: dalla prenotazione, all’imbarco, all’accoglienza, al servizio di catering a bordo.

Tutte le attività di Corsica Sardinia Ferries sono certificate ISO 9001:2008.

A Savona Vado, in un’area di 50.000 mq in concessione alla Compagnia, sono concentrate le attività organizzative, amministrative e logistiche della società che, nel 2012 ha trasportato oltre 3.176.000 passeggeri.

www.corsica-ferries.it

www.altrapagina.com

www.purprojet.com

CONDIVIDI:

Articoli simili

Da Germanwings ecco le novità degli orari invernali per Berlino ed Amburgo

redazione1

Parata di star per il nuovo volo British Airways

ugo

Con Norwegian Cruise Line a giugno si risparmia

redazione1

Scrivi un commento

Please enter an Access Token