Viaggiare News
Destinazioni News

SINGAPORE – nella Città del Leone

singapore

24h nella Città del Leone per un entusiasmante giro del mondo!

Singapore, un diamante dalle mille sfaccettature

Nella Lyon City culture e razze di ogni angolo del mondo hanno dato vita ad un incredibile melting pot

A Singapore una varietà incredibile di etnie si mescola lungo le vie animate, le pagode cinesi, gli edifici coloniali, le residenze dei sultani e gli avveniristici grattacieli che svettano verso il sole

La pianificazione urbanistica creata da Sir Stamford Raffles costituisce la base dei quartieri tuttora esistenti; il Colonial Distric situato nel cuore della città, Kampong Glam e Little India a nord del fiume e Chinatown nella parte settentrionale protesa verso il mare.

L’itinerario per visitare la città inizia al mattino da Kampong Glam per osservvare lo spettacol dei raggi del sole che illuminano la cupola dorata della Sultan Mosque. La splendida moschea è stata costruita nel 1826 per volontà del Sultano Husain ed è diventata il principale luogo di culto per la comunità islamica grazie all’enorme sala di preghiera, che ospita fino a 5.000 fedeli. Uscendo dalla moschea è d’obbligo fare una passeggiata lungo Arab Street per curiosare nei numerosi negozietti che affollano la via pedonale e apprezzare esempi dello stile di vita musulmano; senza difficoltà si dimenticherà di essere a Singapore e l’immaginazione correrà veloce a qualche caratteristica cittadina del Medio-Oriente.
singapore1Intorno all’ora di pranzo camminando verso Nord ci si sposta nell’Asia più vera e autentica. Little India, che rende perfettamente l’idea del passato di Singapore, è un labirinto pittoresco e caotico per via dei numerosissimi specchi appesi sopra le porte per scacciare gli spiriti maligni. Vie piene di merci, altoparlanti che diffondono allegra musica indiana, insegne dei negozi pitturate a mano e nell’aria il pungente profumo dei tipici cibi tradizionali. Da non perdere il tempio di Sri Veeramakali-Amman per vedere da vicino Kali, la Dea indù dalle molte braccia e gambe, ognuna delle quali dotata di un’arma. Il Tempio, eretto dalla comunità Bengalese nel 1881, è il centro dell’enclave indiana che si raccoglie in preghiera nelle giornate di giovedì e venerdì.

Dopo il tripudio di sensi di Little India non c’è niente di meglio che un rilassante pomeriggio nel tranquillo Colonial District, il cuore più autentico del passato coloniale di Singapore, con numerosi edifici storici di forte impronta Europea. Si respira in ogni angolo lo spirito del Vecchio Continente e delle radici fortemente inglesi di questo territorio. Arriva poi il momento di sorseggiare il classico English Tea al Raffles Hotel: a più di 100 anni dalla sua inaugurazione, è ancora capace di stregare i visitatori.singapore2

Attraversando il fiume ecco Chinatown, quartiere ricco di storia che nel suo passato più buio ospitava fumerie d’oppio, “case dei morti” e bordelli, mentre ora mostra il meglio di sé grazie alle antiche shop-house, con le persiane alle finestre e gli aguzzi tetti con tegole di terracotta. Per immergersi nella vita dell’enclave cinese più autentica è d’obbligo una visita al tempio cinese più antico di Singapore, il Thian Hock Keng, costruito dai vecchi marinai hokkien è tuttora dedicato alla dea del mare Ma Zhu Po. Il momento in cui calano le tenebre sulla città è l’ora migliore per giungere a Chinatown, per chiudere in bellezza e gustarsi un’ottima cena a una delle mille bancarelle del Maxwell RD Hawker Centre.

Per maggiori informazioni sulla città – www.yoursingapore.com

CONDIVIDI:

Articoli simili

L’estate a Boston

claudia.dimeglio

Vacanze attive in Repubblica Dominicana, non solo relax

claudia.dimeglio

La Voce del Fiume di Brienza

Harry

Scrivi un commento

Please enter an Access Token