Viaggiare News
Destinazioni Europa

Il Giro delle Fiandre ha 100 anni


Buon compleanno Ronde!
Il Ronde van Vlaanderen (Giro delle Fiandre), è una delle gare storiche più amate dagli appassionati; quest’anno compie 100 anni e festeggia l’anniversario in     pompa magna, tra la gara agonistica di Pasqua e le rievocazioni di maggio. Prevista una lunga serie di eventi e occasioni per riscoprirne miti e protagonisti.

Karel Van Wijnendaele organizzò il primo Giro delle Fiandre nel 1913: 330 chilometri di pessime strade con qualche via ciclabile; 27 corridori a contendersi il titolo. Primo all’arrivo presso Mariakerke, nelle vicinanze di Gent, Paul Deman. Era l’inizio di un mito che, salve tre interruzioni legate a eventi bellici, scandisce puntualmente da cent’anni il tempo nelle Fiandre, oltre che nel cuore degli appassionati di ciclismo di tutto il mondo.

Molte cose sono ovviamente cambiate nel Giro delle Fiandre, percorsi inclusi; ma le atmosfere, i paesaggi e gli immancabili muri e pavé ci sono sempre! Ecco in sintesi, incompleta, i principali termini, i luoghi tipici e gli appuntamenti che animano il paesaggio della regione nei prossimi mesi.

1 – i “berg”. Tra le dozzine di collinette che punteggiano il paesaggio del Giro, alcune hanno guadagnato fama imperitura a causa delle fatiche che hanno imposto agli atleti nel corso delle gare più combattute. Sono i famigerati “muri”, tra cui celebri il Kobbenberg, temutissimo per la pendenza (22%) anche dai professionisti più preparati; il Paterberg, più abbordabile (gradiente medio 12,5% con punte di 20%), sul quale ci si cimenta tre volte in questa edizione e che costituisce l’ultima salita prima della linea di arrivo; l’Oude Kwaremont, 2,2 km di cui 1,6 su pavé, anch’esso compreso nel percorso del 2013. Ma il territorio interessato dalle gare ne conta oltre cento, molti dei quali censiti e descritti su www.climbbike.com

2 – un museo a cielo aperto. Il territorio nel quale si svolge il Giro, tra borghi, strade e muri che ne costituiscono ossa e sistema nervoso è molto caratteristico; ma intorno a due cittadine, Roselaere e Oudenaarde (nella zona tra Bruges, Gent e Kortrijk, tra le provincie delle Fiandre Orientali e delle Fiandre Orccidentali) il mito si fa più palpabile. Il primo “santuario” per gli appassionati, ricco di cimeli storici e curiosità, è il museo della bicicletta di Roselaere (www.wielermuseum.be), nel quale vengono celebrati i grandi campioni locali di ogni epoca, da Eddy Merckx a Briek Schotte; il secondo è il Centrum Ronde Van Vlaanderen, nel centro di Oudenaarde, dove si possono rivivere grazie a un impianto interattivo i momenti salienti che hanno reso celebre il Giro. Uno dei fiori all’occhiello del Centrum è la possibilità di avvalersi della guida in loco di uno dei più celebri campioni fiamminghi, Freddy Maertens (su prenotazione). Da non trascurare poi la brasserie e il piccolo birrificio interni (www.crvv.be).

A dimostrazione dell’attaccamento che il Giro suscita da parte dei Fiamminghi (c’è chi l’ha definita una ”seconda religione”), gli appassionati di ciclismo trovano attorno al circuito “ufficiale” molte altre opportunità da scoprire. Numerosi autori locali hanno prodotto una fitta letteratura dedicata al tema, così come sono fioriti nel tempo i pub, i ristoranti, i birrifici o i club che sfoggiano legami con corridori, episodi e luoghi storici. Per facilitare inoltre i cicloturisti (sempre più numerosi) esiste oggi una rete di piste ciclabili capillare e lontana dal traffico, il cui sistema segnaletico consente di orientarsi facilmente, nonché una serie di b&b che offrono una piena immersione nell’atmosfera del Giro (oltre che servizi per ciclisti, dal noleggio alle riparazione).

3 – gara e celebrazioni: i momenti più importanti. Nel corso del 2013 il calendario ciclistico fiammingo è molto denso; si segnalano qui gli appuntamenti “minimi” che consentono di gustare il Giro delle Fiandre celebrandone l’importante anniversario.

30/3 – La Randonnée: il giorno precedente il Giro disputato dai professionisti si corre la gara per amatori, sullo stesso percorso o su due versioni più corte.

25/5 – Ronde 100 – classic: si tratta della rievocazione della prima edizione del 1913, sul percorso originale.

25 – 26/5 – RetroRonde: versione “storica”, affrontata su bici d’epoca (pre – 1987) con vestiario appropriato. È un vero e proprio appuntamento per appassionati, senza l’aspetto competitivo, ma con una particolare attenzione per i dettagli di costume e gastronomici.

Sono inoltre previsti spettacoli e manifestazioni, specialmente nei dintorni di Oudenaarde, lungo tutto il percorso di avvicinamento al Giro e alle celebrazioni.

CONDIVIDI:

Articoli simili

Divertiamoci sulle nevi di Merano e Dintorni

anna.rubinetto

Il tour operator Goasia vi porta in Sri Lanka!

anna.rubinetto

Con viaggi imaginarium alla scoperta di Scozia, Norvegia e New York

redazione1

Scrivi un commento

Please enter an Access Token