Viaggiare News
Destinazioni Montagna News

Dal 9 al 17 febbraio tutti in maschera nelle valli del Trentino!

 

Nei giorni dal 9 al 17 febbraio nelle valli del Trentino si svolgono tante iniziative che ricordano le  più antiche tradizioni carnevalesche: dalle raffinatezze asburgiche a Campiglio al Carnevale ladino in Val di Fassa, fino alle sfilate dei carri allegorici tra le palme del Garda. A piedi delle Dolomiti queste feste popolari testimoniano il forte legame della popolazione con la sua storia, anche molto lontana nel tempo.

Molto tipici  i due Carnevali etnici delle Valle di Fassa e della Valle di Fiemme, mix di tradizione, cultura e divertimento. Il primo, ambientato fra le stupende Dolomiti fassane, si propone come una celebrazione dell’identità ladina, con le “mascherèdes”, spettacoli burleschi e canzonatori nell’antica lingua che proseguono per quasi un mese, dal 17 gennaio al 12 febbraio. Tra le attrazioni principali la sfilata di Bufòn, Marascons e Lachè, con maschere lignee realizzate ancora oggi in modo artigianale dagli scultori della valle.

Nella vicina Val di Fiemme, l’appuntamento è con il “Carnevale dei Matòci”, che ripropone l’antica usanza dei cortei nuziali, trasformata in manifestazione carnevalesca all’inizio del ‘900. I matoci sono buffi personaggi che sfilano per le dieci frazioni di Valfloriana indossando abiti vivaci, abbelliti con fiocchi e coccarde dai colori sgargianti e con il volto coperto da tradizionali maschere in legno (le facère).

Un Carnevale che ha solide radici nella tradizione lo troviamo anche in Val di Cembra, dove i giovani del paese il martedì grasso tagliano l’albero più bello del bosco. Spogliato dei rami, viene trascinato in paese e “battezzato” davanti agli abitanti, per poi essere issato e ricoperto da cima a fondo di paglia e bruciato come una gigantesca fiaccola. Attorno al fuoco si raduna la comunità.

Più recenti, ma non per questo meno affascinanti, i riferimenti storici del Carnevale di Madonna di Campiglio: nella Perla delle Dolomiti rivive infatti la corte viennese della fine dell’Ottocento con i suoi fasti, i costumi, le carrozze, le dame in splendidi abiti e i walzer. Un Carnevale di grande suggestione storica e molto raffinato, che riporta alla memoria i tempi in cui – era la fine dell’800 – la cittadina ospitò nei suoi prestigiosi alberghi la principessa Sissi e l’imperatore Francesco Giuseppe, oltre ad altri illustri rappresentanti dell’aristocrazia europea. Da domenica 10 a venerdì 15 febbraio la corte viennese torna simbolicamente ai piedi del Brenta per riproporre quelle stesse atmosfere.

A Trento e a Rovereto, invece, vanno in scena carnevali più classici. Nel capoluogo, in Piazza Duomo ed in Piazza Cesare Battisti, ci sarà spazio per sfilate e numerose altre iniziative dedicate all’intrattenimento dei più piccoli, così come nelle città della Quercia, che dedica proprio ai bambini momenti particolari.

Cambiano le atmosfere e l’ambientazione. Fra le palme dei viali di Arco, dono del clima del lago di Garda, si registra un grande ritorno per questo 2013: quello della grande sfilata dei carri allegorici, in passato famosa in tutto il mondo, con il centro storico che si trasforma in “Arcoland, città dei balocchi”, un vero parco dei divertimenti per i più piccoli con l’allegria di trampolieri, clown e giocolieri. Sono tante, poi, su tutto il territorio provinciale, le sfilate di carri allegorici e maschere che porteranno nelle piazze migliaia di persone, tra i quali i Gran Carnevali di Tione, Storo, San Michele all’Adige e Borgo Valsugana.

Non manca l’offerta enogastronomica tipica del  Trentino: consigliamo di gustare  i grostoi,  il tipico dolce carnevalesco che si accompagna volentieri con il vin brulè, l’ideale per combattere il freddo di febbraio!

Foto by Trentino Sviluppo S.p.a.

Claudia di Meglio

CONDIVIDI:

Articoli simili

La Puglia all’attenzione del turismo internazionale

redazione1

Delizie d’oriente: luoghi e mete del sud-est asiatico

anna.rubinetto

Colorado: alla scoperta degli alloggi vacanze più originali

anna.rubinetto

Scrivi un commento

Please enter an Access Token