Viaggiare News
Destinazioni

Notti di Streghe

 

Immaginate di camminare all’ora del tramonto nella vostra cittadina e di imbattervi in torme di fantasmi, diavoli, streghe ed altre poco accomodanti creature.

I casi sono due: o avete le allucinazioni, oppure il calendario segna il 31 di ottobre e anche in Italia si festeggia la notte di Halloween. Si tratta di una celebrazione molto radicata nella cultura americana ed in quella anglo-sassone in generale, ma da diversi anni a questa parte pure l’Italia ha accolto – a modo suo – questa preziosa occasione per dar libero sfogo alle più macabre e divertenti fantasie. Per certi versi, potremmo assimilare Halloween al nostro Carnevale, seppure orientato decisamente verso l’aspetto più oscuro, soprannaturale, della realtà. Ed è proprio per questo che i giovani e giovanissimi adorano tale festività. Il termine Halloween deriva dal fatto che il 31 di ottobre è la vigilia di Ognissanti, ovvero il giorno in cui la tradizione cristiana celebra tutti i santi, in blocco, nessuno escluso. Questa data, il 1° novembre, è denominata in inglese All Hallows’ Day. A questo punto occorre tenere presente che presso i popoli antichi (e pure per gli ebrei di oggi) il giorno non incomincia allo scoccare della mezzanotte, bensì qualche ora prima, al tramonto.

Dall’Italia alla Romania, passando per il Regno Unito agli Stati Uniti, fino alla Spagna, si preparano alla notte delle streghe.

 

A Bevilacqua, in provincia di Verona, si narra che nel castello, costruito nel XIV secolo dal commerciante Guglielmo Bevilacqua per difendere i propri terreni dalle invasioni delle signorie confinanti, lo spirito del padrone vaghi per le mura della fortezza per difenderla da qualsiasi minaccia e che la sua voce si senta tra gli alberi del giardino pensile.

 

Altro luogo che non può mancare nell’elenco delle destinazioni suggestive di Halloween è il castello Sighisoara in Transilvania, dove nacque il celebre Conte Dracula, il vampiro che per sopravvivere si nutriva di sangue e che attaccava le sue vittime al collo con i suoi denti aguzzi.

 

Lo stesso vale per Whitby, cittadina inglese in cui Bram Stoker, influenzato dalla sua atmosfera gotica, ha deciso di ambientare tre capitoli del romanzo “Dracula”: proprio mentre stava leggendo nella biblioteca della città gli venne l’idea di chiamare il protagonista della sua opera “Conte Dracula”. Per gli amanti dei romanzi di Stephen King, è Estes Park, negli Sati Uniti, a soli dieci chilometri dal Rocky Mountain National Park in Colorado, il luogo ideale dove trascorrere la prossima notte di Halloween: qui lo scrittore americano ha trovato l’ispirazione per il libro “Shining” da cui è tratto il celebre film di Stanley Kubrick.

 

In un castello del IX secolo a Cordona, in Spagna, si dice aleggi ancora il fantasma di Adales, giovane donna figlia del visconte Raimon Folch, costretta dal padre a vivere da reclusa perché innamorata di un musulmano: anche qui l’atmosfera è molto suggestiva.

 

Torniamo infine in Italia. La leggenda delle “Streghe di Benevento” risale al XII secolo, quando la cittadina campana dovette accettare la difficile convivenza con gli invasori longobardi e i loro rituali pagani. Un soggiorno nei dintorni può essere davvero emozionante: si racconta, infatti, che fino a qualche secolo fa le streghe fossero solite danzare e cantare prima di prendere il volo nelle notti nebbiose d’inverno.

Buona Notte!

CONDIVIDI:

Articoli simili

Zurigo in treno sempre più vicino

redazione1

Cortina d’Ampezzo for kids: i cuccioli ai piedi delle Tofane

anna.rubinetto

La Svizzera in formato panoramico

claudia.dimeglio

Scrivi un commento

Please enter an Access Token